Miglior sindaco al mondo contro il Covid, Gori in lizza: sostegno dal Pd, ira Lega - BergamoNews
Le polemiche

Miglior sindaco al mondo contro il Covid, Gori in lizza: sostegno dal Pd, ira Lega

L'inserimento del primo cittadino nella lista dei candidati ha scatenato ironia e rabbia dagli avversari politici.

Trentasette sindaci in lizza come miglior primo cittadino al mondo, per il loro impegno nella lotta alla povertà e al Covid-19: sono quelli nominati nel “World Mayor Project”, che ogni due anni premia gli amministratori che si sono particolarmente distinti nel sostegno alle proprie comunità.

Il tema 2020 è, appunto, la povertà, unita agli sforzi per combattere la diffusione del Coronavirus, e tra i candidati figura anche il sindaco di Bergamo Giorgio Gori, insieme ad altri due italiani, il collega di Milano Giuseppe Sala e quella di Villa del Conte (Padova) Antonella Argenti.

Una “long list” dove ognuno può candidare il sindaco che ritiene più idoneo al riconoscimento, tenendo presente i criteri di selezione per quest’anno: poi sarà la “City Mayor Foundations”, ideatrice del premio, a valutarle.

Una nomina che ha scatenato l’ironia e la rabbia della Lega, a partire dal consigliere comunale e deputato Alberto Ribolla: “Gori candidato a miglior sindaco del mondo? Siamo a scherzi a parte?? Si è auto nominato? Qualcuno forse si dimentica i tira molla / apri-chiudi / continue giravolte?”.

Non è andato per il sottile, invece, Daniele Belotti, deputato del Carroccio, che con un lungo post sul proprio profilo Facebook ha ripercorso le tappe della pandemia in terra bergamasca e le decisioni del sindaco: “Ma è lo stesso Gori che il 29 febbraio lanciava il ‘Bergamo non ti fermare’ invitando tutti i cittadini a uscire, a stare tra la gente? – scrive – È lo stesso Gori che negli stessi giorni portava la giunta al ristorante cinese e si faceva fotografare a cena “da Mimmo”? Che per animare la città faceva viaggiare gratis sui bus? Che nei giorni seguenti ha insistito invitando i bergamaschi ad andare nei musei e che 4 giorni dopo gridava ‘State a casa, fermiamo tutto? È lo stesso Gori che il giorno dopo lanciava un messaggio devastante verso la credibilità dei nostri ospedali dichiarando ‘I pazienti sono lasciati morire’? Lo che 24 ore dopo faceva l’ennesimo dietrofront scusandosi per la terribile dichiarazione? Che mentre le salme dei suoi concittadini venivano portate via con i camion militari pontificava sulla necessità ‘di una sanatoria per 200.000 immigrati’? È lo stesso Gori che per settimane, per una smania di visibilità e per calcoli di partito, ha continuamente e strumentalmente attaccato la Regione?”.

Dall’altro lato della barricata non sono mancate le difese a Gori dai propri sostenitori politici, a partire dal consigliere regionale Niccolò Carretta che non ha rinunciato a ricambiare le stoccate politiche: “Trovo semplicemente vergognosi gli attacchi da parte dei Consiglieri comunali leghisti al sindaco Gori. Non ci importa di alcuna classifica e in questo momento trovo davvero triste il loro atteggiamento. Capisco anche che un anno dopo la bruciante sconfitta alle elezioni comunali pesi ancora, soprattutto perché nel momento politico a loro favorevole hanno preso meno voti anche della Lista Civica che coordino. In questi tempi, dove la Regione che loro guidano da molti anni sta facendo acqua da tutte le parti, facendosi bagnare il naso da Emilia e Veneto, forse sarebbe stato meglio stare in silenzio invece di alimentare polemiche inutili. Certo se ci fosse la classifica dei migliori Governatori al mondo Fontana non comparirebbe. Questo è poco ma sicuro”.

Hanno poi preso posizione anche i vertici del Pd bergamasco, il segretario cittadino Roberto Mazzetti e quello provinciale Davide Casati: “Siamo orgogliosi che il sindaco Giorgio Gori sia stato candidato tra i migliori Sindaci del mondo a dimostrazione che il lavoro svolto in un periodo così difficile e complicato venga valutato positivamente da una prestigiosa fondazione internazionale, il cui giudizio si basa su fatti e non su valutazioni politiche di parte – hanno scritto in una nota congiunta – Le qualità del sindaco Gori sono confermate dai provvedimenti messi in campo in questi ultimi mesi, tra cui ricordiamo il Fondo di Mutuo Soccorso e il progetto Rinascimento Bergamo che permetteranno di aiutare le famiglie e le attività economiche in difficoltà. La polemica innescata dalla Lega contro il Sindaco è pretestuosa e va a discapito di Bergamo e dei suoi abitanti, in un momento in cui il nome di Bergamo è purtroppo identificato con il coronavirus. Per non parlare poi della gestione della sanità lombarda, da decenni in mano al centro-destra, che ha purtroppo dato una dimostrazione drammatica di inefficienza. Questo metodo di gestione della politica non appartiene al PD bergamasco che non solo plaude alla candidatura di Giorgio Gori ma a questo punto si augura che raggiunga l’obiettivo, facendo della nostra città il simbolo della ripartenza”.

leggi anche
  • È polemica
    Commissione d’inchiesta Covid in Lombardia: Baffi di Italia Viva “scalza” Scandella (Pd)
    Patrizia Baffi
  • Pd
    Feste dell’Unità in Bergamasca, si lavora per agosto
    PD
  • Lo scontro
    Gori: “Cambiamo il segretario del Pd”, ma Franceschini lo stoppa: “No a inutili tensioni”
    Generico giugno 2020
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it