BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Lavoratori Dhl tutti in sciopero: “A tutela della nostra salute e del nostro salario”

Braccia incrociate in tutta Italia e per tutta la filiera: "Abbiamo chiesto un reale e concreto segnale di cambiamento, senza però ottenere alcun riscontro positivo".

Più informazioni su

Incrociano le braccia su tutto il territorio nazionale i lavoratori della filiera Dhl Express, da quelli diretti agli indiretti, ai driver e ai magazzinieri: lo sciopero è stato proclamato per l’intera giornata di lunedì 25 maggio dopo che l’incontro dello scorso 20 maggio con la direzione non ha soddisfatto le organizzazioni sindacali.

Così le Filt Cgil, Fit Cisl e UilTrasporti hanno deciso per la sospensione delle attività lavorative, “per il diritto alla salute alla sicurezza nei luoghi di lavoro, per la difesa dei diritti di lavoratrici e lavoratori e per la difesa del salario”.

Tra le principali cause dello scontro, denunciano i sindacati uniti, “l’utilizzo eccessivo degli ammortizzatori sociali, che ha causato forte stress, eccessivi carichi di lavoro e mancato reddito per i lavoratori indiretti”.

Ma, continuano, anche “il mancato riconoscimento delle compensazioni economiche per il personale dipendente per le giornate di cassa ordinaria effettuate, così come richiesto dalle Organizzazioni Sindacali e l’indisponibilità al riconoscimento di un premio di carattere economico per tutti coloro (driver, addetti al magazzino, personale operativo), che con il proprio impegno ed il proprio sacrificio, mettendo a rischio la propria salute, non hanno mai smesso di operare nemmeno nelle fasi più critiche della pandemia permettendo il proseguimento senza interruzioni dell’attività”.

I sindaci denunciano anche scarsa attenzione nei confronti dei lavoratori, chiedendo a gran voce “che venga effettuato uno screening mediante test sierologici su tutte le lavoratrici e i lavoratori della filiera per una reale mappatura del contagio e del rischio. Su questi e su altri temi abbiamo ripetutamente richiesto un reale e concreto segnale di cambiamento, senza però ottenere alcun riscontro positivo”.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.