Coronavirus, ecco le province più colpite in rapporto alla popolazione: Bergamo quarta - BergamoNews
I dati

Coronavirus, ecco le province più colpite in rapporto alla popolazione: Bergamo quarta

L'ennesima conferma della drammatica situazione vissuta dal nostro territorio, perché rapportando i casi al numero di abitanti si ha una panoramica tutt'altro che scontata sulla distribuzione del contagio

Anche nel rapporto tra abitanti e contagiati, Bergamo è una delle province italiane più colpite dall’epidemia di Coronavirus. L’ennesima conferma della drammatica situazione vissuta dal nostro territorio, perché rapportando i casi alla popolazione di ciascuna provincia si ha una panoramica abbastanza diversa sulla distribuzione del contagio, tutt’altro che scontata.

Più di un positivo su 100

La provincia che in proporzione ha registrato più pazienti positivi al tampone è Cremona, con l’1,766% della popolazione. Seguono Piacenza (1,55%), Lodi (1,476%) Bergamo (1,144%) e Brescia (1,133%): le uniche dove le persone positive sono più di 1 su 100.

I casi Aosta e Trento

Tra le prime dieci province c’è anche Aosta, dove i contagi non sono molti in termini assoluti ma interessano lo 0,936% della popolazione. Tra le ipotesi, quella che il coronavirus sia stato favorito dai flussi turistici durante la stagione invernale, in particolar modo a febbraio quando le piste da sci sono molto frequentate. Stesso dicasi per Trento, dove i casi sono stati finora più di 4mila e rappresentano lo 0,813% della popolazione, più di altre province lombarde come Mantova (0.801%), Lecco (0.796%) e la stessa Milano, con i suoi 20mila casi la più colpita in assoluto, ma dove i contagi rapportati alla popolazione non superano lo 0,689%.

A completare le prime dieci posizioni Reggio Emilia (0.922%), Pavia (0.915%) e Alessandria (0.893%), forse proprio a causa della vicinanza alle zone più colpite. Del resto, tra le province con una percentuale di contagi superiore allo 0,6% ben 11 su 27 sono lombarde.

Tanti tamponi, ma nessuna provincia veneta oltre lo 0,6%

Altro dato molto interessante: nessuna provincia veneta supera lo 0,6%, nonostante l’ampio numero di tamponi effettuati. Incuriosisce anche la presenza di Pesaro e Urbino, nelle Marche: quasi 3mila casi confermati che rappresentano lo 0,76%. Perché? Alcuni sostengono sia a causa delle attività industriali la che mettono in costante contatto con il Nord del Paese, ma c’è chi fa notare che a metà febbraio proprio a Pesaro si era tenuta la Coppa Italia di basket: oltre 30mila presenze con molti tifosi provenienti da Brescia e Cremona.

Più informazioni
leggi anche
  • Indice rt 0,51
    Lombardia, curva dei contagi in calo: il rischio passa da moderato a basso
    Coronavirus
  • In lombardia
    Fontana: “Per medici, infermieri e operatori sanitari bonus di 223 milioni”
    Coronavirus Areu
  • Think, plan & go
    Covid 19, allarme imprese: ecco i tre pilastri della ripartenza
    Campaign Creators per Unsplash.
  • La proposta
    “Covid e non solo, il carcere esplode: usiamo le strutture dismesse sul territorio”
    Carcere
  • Progetto di riordino
    Ospedale di Lovere a rischio? I sindaci dell’alto Sebino unanimi: “No allo smembramento”
    Ospedale lovere
  • La riflessione
    “Con la testa sulle spalle: pensiamo a medici e infermieri che hanno lottato per noi”
    Coronavirus Areu Orio
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it