Quantcast
Val Seriana, fototrappole per scovare chi abbandona rifiuti: multe da 500 euro - BergamoNews
Polizia locale unione sul serio

Val Seriana, fototrappole per scovare chi abbandona rifiuti: multe da 500 euro

Due persone già individuate a Nembro e Pradalunga grazie ai controlli sul territorio

Il Corpo di Polizia Locale Unione Insieme sul Serio (che presidia sei comuni della Val Seriana) ha avviato un attento controllo del territorio in merito all’abbandono dei rifiuti.

Nello specifico l’Unità RadioMobile a seguito del ritrovamento nei Comuni di Nembro e Pradalunga di un ingente quantitativo di rifiuti ha indagato per risalire agli autori, i quali sono stati successivamente identificati e sanzionati: i due avevano abbandonato nel rispettivi territori sacchi contenenti materiale di scarto proveniente dalle loro abitazioni a seguito di sgombero.

Contemporaneamente l’Unità di polizia amministrativa ha iniziato nei Comuni dell’Unione un’attività di controllo del conferimento rifiuti in seguito alle segnalazioni dalle amministrazioni smaltimenti irregolari.

In questi giorni verranno inoltre installate le fototrappole nei punti sensibili dell’Unione.

Le sanzioni per l’abbandono dei rifiuti arrivano fino a 500 euro e possono sfociare anche in reati penali a seconda del rifiuto abbandonato.

leggi anche
rifiuti predusolo clusone
Nella valletta
Rifiuti abbandonati a Predusolo di Castione: sabato il recupero con l’elicottero
Incendio Calcinate
Mercoledì pomeriggio
Calcinate, fiamme in un’azienda di smaltimento rifiuti: vigili del fuoco in azione
Rifiuti Treviglio
Bassa
Treviglio, abbandonano rifiuti in città: rintracciati e multati
Polizia Locale
Bergamo
Assembramenti e fanno la multa a me, sola nel nulla: la pagherò, ma…
Oltre la raccolta differenziata
La critica
Cambia la raccolta rifiuti a Bergamo, Federconsumatori: “Ma serve?”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it