Romano, il sindaco striglia i giovani che si assembrano: "Cosa non avete capito?" - BergamoNews
Sui social

Romano, il sindaco striglia i giovani che si assembrano: “Cosa non avete capito?”

Sebastian Nicoli su Facebook: "Se questo è l’andazzo dovrò, mio malgrado, prendere decisioni che vorrei proprio evitare"

Si è molto arrabbiato il sindaco di Romano di Lombardia Sebastian Nicoli. Ha ricevuto foto di assembramenti di giovani nel suo comune nella serata di venerdì 22 maggio, così ha deciso di pubblicarne per richiamare all’ordine tutti i suoi cittadini.

Con un fortissimo messaggio postato sulla pagina Facebook del Comune, Nicoli sabato mattina si è rivolto proprio ai giovani: “Questa foto è di ieri sera – ha scritto -. La stessa scena in diversi posti di Romano. A me vengono due semplici domande: cosa è che non avete chiaro? Cosa c’è che non avete ancora capito? Le regole le conoscete tutti. Ma proprio tutti! E qui, come in altri numerosi luoghi, non ce n’è nemmeno una rispettata”.

AGGIORNAMENTO CORONAVIRUS – 23 MAGGIO ORE 12.00

Nella foto: ieri sera.
La stessa scena in diversi posti di Romano.

A…

Pubblicato da Comune di Romano di Lombardia su Sabato 23 maggio 2020

“Le regole o le capiamo e le applichiamo oppure non va bene – continua il messaggio -. Se questo è l’andazzo dovrò, mio malgrado, prendere decisioni che vorrei proprio evitare convinto che, invece, le cose possano funzionare con il senso di responsabilità di ognuno”.

Questa la chiusura della strigliata: “Ciò che vi sto scrivendo non mi fa piacere ma, anzi, mi provoca una profonda amarezza. Solo se siamo tutti responsabili ce la faremo! Solo così!”.

leggi anche
  • La riflessione
    “Con la testa sulle spalle: pensiamo a medici e infermieri che hanno lottato per noi”
    Coronavirus Areu Orio
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it