Quantcast
Lorenzo apre il suo ristorante a Lenna: "Per la mia terra, per i miei compaesani" - BergamoNews
La storia

Lorenzo apre il suo ristorante a Lenna: “Per la mia terra, per i miei compaesani”

Il cuoco 28enne, dopo le esperienze fatte in alcuni dei migliori ristoranti della Bergamasca, ha scelto di tornare nel suo paese: "Voglio vivere qui"

Ha girato e lavorato in alcuni dei migliori ristoranti di Bergamo e provincia Lorenzo Bonini, ma alla fine il cuore l’ha trascinato a Lenna. Nella sua Lenna.

Una vita dietro ai fornelli, quella del 28enne cuoco: dopo il diploma alla scuola alberghiera di San Pellegrino, nel 2011, la voglia d’imparare l’ha portato prima al rifugio Ca’ San Marco di Mezzoldo, poi, per cinque anni dal 2011 al 2016, nella cucina dell’Agriturismo Ferdy di Lenna. Nel 2017 la nuova vita in città: un anno al ristorante Ezio Gritti nel pieno centro di Bergamo e poi un anno al Casual di Città Alta, una stella Michelin di Enrico Bartolini. Per concludere il percorso di crescita Lorenzo ha poi deciso di lavorare per tutto il 2019 alla Pasticceria Silvio di Villongo.

leggi anche
ferragni ferdy
A lenna
Gita in Val Brembana per Chiara Ferragni e il figlio: a pranzo all’agriturismo Ferdy

“Volevo imparare tutte le sfaccettature della cucina – ci spiega -: salse, carne, fondi, pasticceria… Per buttarsi in un’avventura imprenditoriale come quella che sto per iniziare bisogna avere delle basi solide, che credo di essermi fatto in questi ultimi dieci anni”.

La scelta di tornare a Lenna, per rilevare un locale storico come la Trattoria delle Miniere, è dettata dall’amore per la propria terra: “Avevo altre possibilità, ma il richiamo della mia Lenna è stato troppo forte – racconta -. Qua ci sono le mie radici, la mia infanzia, la mia vita. Sono stati anni lontano dalla valle, e quando ci tornavo sentivo che c’era qualcosa di speciale che mi legava a questo mondo. Tornarci, per me, è naturale”.

“Aprire un locale qua vuol dire fare un regalo al paese – continua Lorenzo -. La montagna non dev’essere abbandonata, chi può deve provare a investire in questa valle e lo deve fare per il territorio e per la sua gente. Io voglio vivere qua, questa è una scelta di vita”.

Lorenzo Bonini
Lorenzo Bonini con la compagna Valeria Gervasoni

L’emergenza sanitaria ha rallentato i programmi, ma la Trattoria delle Miniere è quasi pronta a partire: “Inaugureremo il primo giugno – spiega il cuoco -, non vedo l’ora. Con me in cucina ci sarà Diego Minuscoli, un passato da geometra ma tanto talento dietro ai fornelli: quando gli ho chiesto se gli andava di collaborare a questo mio progetto ha accettato con entusiasmo”.

E in sala, ad accompagnare Lorenzo in questa avventura, ci sarà la sua compagna di vita Valeria Gervasoni: “Mi ha fatto diventare papà da pochi mesi di una bellissima bambina, che abbiamo chiamato Bianca – racconta -. La costringerò a riposare ancora per qualche settimana, poi anche lei sarà parte della nuova Trattoria delle Miniere”.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
leggi anche
bar
Fase 2
Bar e ristoranti, un webinar spiega le regole delle riaperture
Maria Acquaroli Tenuta Serradesca
Scanzorosciate
Settore matrimoni a terra: “Per aiutare i miei collaboratori divento temporary restaurant”
Nido vespe, Vvff
Fotonotizia
Lenna, grosso nido di vespe in piazza: rimosso
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI