La Bergamo di una volta: alla scoperta delle Muraine che proteggevano la città - BergamoNews
Guarda

La Bergamo di una volta: alla scoperta delle Muraine che proteggevano la città

L'architetto Nicola Eynard ci guida alla scoperta di questa fortificazione poco conosciuta

Tutti conoscono le Mura Venete (nel 2017 dichiarate “Patrimonio dell’Umanità”) e la loro storia, in pochi invece sanno cosa sono le Muraine.

L’architetto Nicola Eynard ci guida con questo video alla scoperta di questa fortificazione poco conosciuta.

Le Muraine sono antecedenti alle Mura Venete e avevano anche un carattere di protezione degli abitanti di Bergamo Bassa, dove si svolgevano le attività di produzione artigianale e c’erano anche sedi di commercianti.

Il potere risiedeva in Città Alta, dove vi fu fin dall’epoca romana una cinta muraria di protezione. Nel medioevo venne rifatta e allargato lo spazio racchiuso entro di essa. Nell’ultima versione, prima della costruzione delle Mura Venete, le mura medioevali avevano due “forti”: la Cittadella e la Rocca, congiunti fra di loro dalle mura.

La costruzione era costituita da un muro di forte spessore coronato da merlature del tipo guelfo con frequenti torri quadre e talvolta tonde collegate da un corridoio di ronda.

Più informazioni
leggi anche
  • La proposta
    “Covid e non solo, il carcere esplode: usiamo le strutture dismesse sul territorio”
  • Fuori porta
    In bicicletta da Bergamo a Milano, sulle orme di Leonardo e dei grandi architetti
  • La spedizione
    Sulle sponde dello storico fiume di Bergamo: ma si dice il Morla o la Morla?
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it