Quantcast
"Give a memory": si gioca con le attenzioni al Covid e si dona all'ospedale di Bergamo - BergamoNews
Buone pratiche

“Give a memory”: si gioca con le attenzioni al Covid e si dona all’ospedale di Bergamo

Un gioco di memoria creato sulle raccomandazioni per prevenire il Covid 19: giocando è possibile fare una donazione al Papa Giovanni senza pagare nulla

Stare a casa, lavaggio frequente delle mani, non toccare occhi, naso e bocca e distanziamento sociale: utilizzando le buone pratiche e raccomandazioni internazionali per prevenire il contagio da Covid 19 TBWA\Italia ha creato il videogioco di memoria “Give a memory”.

Giallo e nero sono i colori, gli stessi di quelli aziendali, del videogioco scaricabile da Gamindo, un’applicazione gratuita che si trova su Google Play e App Store, sulla quale gli utenti si possono divertire con diversi giochi sponsorizzati da aziende che si impegnano a effettuare una donazione per ogni partita fatta. In questo caso con “Give a memory” viene fatta, automaticamente, una donazione al reparto di rianimazione dell’Ospedale di Bergamo, senza che l’utente paghi nulla.

In altre parole con questa nuova soluzione di intrattenimento ad impatto sociale chi gioca dona senza spendere, le aziende possono fare del bene e gli enti possono raccogliere fondi. “Sono i piccoli gesti -spiegano gli ideatori di Give a memory– , quelli che possono fare tutti, che ci porteranno verso una nuova normalità”.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it