Quantcast
Fase 2, appello ai commercianti: "Nessun alibi, per fermare il virus attenersi alle regole" - BergamoNews
A cura di

Ascom Bergamo

Ascom e confesercenti

Fase 2, appello ai commercianti: “Nessun alibi, per fermare il virus attenersi alle regole”

Lettera agli associati: "Disposizioni in ritardo e spesso contradditorie tra loro non giustificano comportamenti pericolosi, vale anche per i clienti"

I direttori di Ascom Confcommercio e Confesercenti Bergamo, Oscar Fusini e Filippo Caselli, in una lettera ribadiscono ai loro associati di attenersi scrupolosamente alle leggi stabilite per contrastare il Coronavirus, puntualizzando anche alcuni aspetti legati al “rischio movida”.

“La confusione delle disposizioni di legge giunte in ritardo e spesso contradditorie tra loro – spiegano – non può e non costituirà un alibi ai comportamenti pericolosi per la salute pubblica. Questo vale sia per i gestori dei locali, pubblici esercizi e ristoranti, sia per i loro clienti”.

Le disposizioni dei Decreti nazionali, delle ordinanze regionali e di quella del Comune di Bergamo “rappresentano misure importanti per contenere il contagio in questo momento delicato. Per passare dalla fase 2 alla quella successiva, nella quale ci sarà un ulteriore passo verso la normalità – sottolineano – è fondamentale oggi affidarsi al senso di responsabilità di tutti”.

Occorrerà quindi attenersi al rispetto delle regole. “Favorendo le prenotazioni e le consumazioni al tavolo ed evitando il più possibile la somministrazione all’aperto, al di fuori dei dehors, e l’asporto con consumo in strada che possono creare assembramenti. Alle persone e ai clienti – continuano – chiediamo di evitare di cercare posti affollati e quindi pericolosi”.

I due direttori, rispetto al tema, puntualizzano che il problema non sono i pubblici esercizi, riaperti al pubblico e obbligati dalla legge a erogare le loro prestazioni, ma il rispetto delle regole degli avventori. “Non è accettabile quello che stiamo registrando e che imputa il problema della movida ai locali. Le violazioni della legge di una minoranza non possono far scivolare le responsabilità sugli esercenti”.

Fusini e Caselli ribadiscono che la legge non assegna agli esercenti il ruolo di tutore dell’ordine pubblico. “In questo difficile momento – concludono – chiediamo ai nostri imprenditori di contribuire al lavoro delle forze dell’ordine per evitare assembramenti, collaborazione necessaria per un ritorno alla normalità”.

leggi anche
Test sierologici
I numeri di ats
Coronavirus, test sierologici sui cittadini: a Bergamo il 58% è positivo
mafia corruzione infiltrazioni
Il dossier di libera
Mafia a Bergamo, 106 episodi nell’ultimo anno: “Con Covid e crisi ora rischio usura”
Coronavirus
Indice rt 0,51
Lombardia, curva dei contagi in calo: il rischio passa da moderato a basso
Fase 2 bis
Rispettate le regole
Bergamo, prime 3 multe da 400 euro; Gori chiede collaborazione a baristi e ristoratori
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it