BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“We together run”, presentata a Papa Francesco l’asta a favore degli ospedali di Bergamo e Brescia

Il ricavato dell'iniziativa sarà destinato a infermieri e operatori sanitari dell'Ospedale Papa Giovanni XXIII e della Fondazione Poliambulanza

Correre insieme significa sostenersi l’un l’altro: è questo lo spirito che accompagnerà “We run together. Supporting our team”, l’asta benefica promossa da Athletica Vaticana e Fiamme Gialle a sostegno dell’Ospedale Papa Giovanni XXIII e della Fondazione Poliambulanza di Brescia.

L’iniziativa, realizzata con il sostegno della “Corte dei Gentili” e della Fidal Lazio, è stata presentata in un’udienza privata a Papa Francesco e avrà l’obiettivo di raccogliere fondi a sostegno di infermieri e operatori sanitari dei due nosocomi lombardi, in prima linea nella lotta al Coronavirus.

“Sono eroi che stanno vivendo la loro professione come una vocazione eroicamente mettendo a rischio la loro stessa vita per salvare gli altri” ha sottolineato il pontefice il quale ha messo a disposizione un dono particolarmente prezioso.

A testimoniare la missione del progetto ci hanno pensato i portacolori delle Fiamme Gialle Fabrizio Donato e Carolina Visca i quali hanno preso parte all’incontro insieme a Sara Vargetto, giovanissima alfiere dell’Athletica Vaticana affetta da una malattia neurodegenerativa, Giulia Staffieri, atleta di Special Olympics con un disturbo psichiatrico, Charles Ampofo, sportivo originario del Ghana e Barbara, detenuta del carcere di Rebibbia e capitano della squadra di calcetto della struttura.

Attiva a partire da lunedì 8 giugno sulla piattaforma online charitystars.com, la gara di solidarietà consentirà a tifosi ed appassionati di aggiudicarsi oggetti e suggestive esperienze sportive offerte da campioni del presente come Tania Cagnotto, Arianna Fontana, Sofia Goggia, Gianmarco Tamberi, Filippo Tortu e Dorothea Wierer, ma anche del passato come Kristian Ghedina e Antonio Rossi.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.