• Abbonati
Castelli calepio

Amianto alla Fratus: nuovo blitz dei carabinieri; il sindaco indagato: “Non ho colpe”

Un caso che si trascina dal 2013 nella zona della Valcalepio. Quattro gli indagati, tra cui Giovanni Benini: "Il piano per la rimozione è già stato predisposto, aspetto il via libera"

Nuovo blitz nelle scorse ore dei carabinieri del Noe con i tecnici di Ats nei cantieri abbandonati della Fratus di Quintano di Castelli Calepio, dove sono in corso indagini per un presunto disastro ambientale.

I sigilli posti all’azienda, ormai in liquidazione, sarebbero stati rimossi. Gli accertamenti di Ats Bergamo e Brescia (essendo il sito al confine con Palazzolo) hanno confermato la necessità di rimuovere la lastre di amianto ancora presenti sui tetti e le coperture, che con il tempo hanno iniziato a usurarsi e potrebbero essere pericolose.

Un problema che si trascina dal 2013 nella zona della Valcalepio, con tutti i pericoli annessi. Nell’estate dello scorso anno l’episodio più rischioso, con un vasto incendio che potrebbe aver diffuso nell’aria le molecole del pericoloso materiale.

I sigilli erano stati messi prima dell’emergenza Covid dai carabinieri coordinati dal pm della Procura di Brescia Antonio Bassolino, che ha iscritto nel registro degli indagati quattro persone: il sindaco di Castelli Calepio Giovanni Benini e la sua responsabile dell’Ufficio ambiente Lucia Andriola per omissione di atti d’ufficio, oltre ai proprietari del sito industriale Luigi Fratus e la figlia Patrizia, per cui si ipotizza il concorso in disastro ambientale e l’omessa bonifica.

Il primo cittadino calepino si dice tranquillo: “La prossima settimana avrò un incontro con il magistrato bresciano per chiarire la mia posizione – le parole di Benini – . Gli spiegherò che non ho colpe, in quanto la rimozione dell’amianto non posso portarla a termine senza il permesso dei titolari, essendo una proprietà privata.

Il piano è già stato predisposto con una cifra di 50mila euro. Ora aspetto il via libera, dall’azienda o dalla procura che ha sequestrato l’impianto. Io non posso andare in casa di altri, sarebbe un abuso di potere”.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Abbonati!
leggi anche
Il Comune di Castelli Calepio
Il caso
Castelli Calepio, lo scontro in consiglio tra sindaco e minoranza finisce in Prefettura
Mario Pagani
Il lutto
Coronavirus: addio a Mario Pagani, vicesindaco di Castelli Calepio
benini castelli calepio
Il caso
Castelli Calepio, il sindaco patteggia 18 mesi per truffa: “Ma non mi dimetto”
Bettoni Scuola Guida
La proposta
Bettoni, Aci Bergamo: “Manca personale, 10mila esami di guida arretrati, ecco la mia soluzione”
Coronavirus Areu
In lombardia
Fontana: “Per medici, infermieri e operatori sanitari bonus di 223 milioni”
Amianto nelle scuole
Regione lombardia
Rimozione di amianto dagli edifici privati: lunedì al via il bando da 1 milione di euro
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI