Amianto alla Fratus: nuovo blitz dei carabinieri; il sindaco indagato: "Non ho colpe" - BergamoNews
Castelli calepio

Amianto alla Fratus: nuovo blitz dei carabinieri; il sindaco indagato: “Non ho colpe”

Un caso che si trascina dal 2013 nella zona della Valcalepio. Quattro gli indagati, tra cui Giovanni Benini: "Il piano per la rimozione è già stato predisposto, aspetto il via libera"

Nuovo blitz nelle scorse ore dei carabinieri del Noe con i tecnici di Ats nei cantieri abbandonati della Fratus di Quintano di Castelli Calepio, dove sono in corso indagini per un presunto disastro ambientale.

I sigilli posti all’azienda, ormai in liquidazione, sarebbero stati rimossi. Gli accertamenti di Ats Bergamo e Brescia (essendo il sito al confine con Palazzolo) hanno confermato la necessità di rimuovere la lastre di amianto ancora presenti sui tetti e le coperture, che con il tempo hanno iniziato a usurarsi e potrebbero essere pericolose.

Un problema che si trascina dal 2013 nella zona della Valcalepio, con tutti i pericoli annessi. Nell’estate dello scorso anno l’episodio più rischioso, con un vasto incendio che potrebbe aver diffuso nell’aria le molecole del pericoloso materiale.

I sigilli erano stati messi prima dell’emergenza Covid dai carabinieri coordinati dal pm della Procura di Brescia Antonio Bassolino, che ha iscritto nel registro degli indagati quattro persone: il sindaco di Castelli Calepio Giovanni Benini e la sua responsabile dell’Ufficio ambiente Lucia Andriola per omissione di atti d’ufficio, oltre ai proprietari del sito industriale Luigi Fratus e la figlia Patrizia, per cui si ipotizza il concorso in disastro ambientale e l’omessa bonifica.

Il primo cittadino calepino si dice tranquillo: “La prossima settimana avrò un incontro con il magistrato bresciano per chiarire la mia posizione – le parole di Benini – . Gli spiegherò che non ho colpe, in quanto la rimozione dell’amianto non posso portarla a termine senza il permesso dei titolari, essendo una proprietà privata.

Il piano è già stato predisposto con una cifra di 50mila euro. Ora aspetto il via libera, dall’azienda o dalla procura che ha sequestrato l’impianto. Io non posso andare in casa di altri, sarebbe un abuso di potere”.

leggi anche
  • Il caso
    Castelli Calepio, lo scontro in consiglio tra sindaco e minoranza finisce in Prefettura
    Il Comune di Castelli Calepio
  • Il lutto
    Coronavirus: addio a Mario Pagani, vicesindaco di Castelli Calepio
    Mario Pagani
  • Il caso
    Castelli Calepio, il sindaco patteggia 18 mesi per truffa: “Ma non mi dimetto”
    benini castelli calepio
  • La proposta
    Bettoni, Aci Bergamo: “Manca personale, 10mila esami di guida arretrati, ecco la mia soluzione”
    Bettoni Scuola Guida
  • In lombardia
    Fontana: “Per medici, infermieri e operatori sanitari bonus di 223 milioni”
    Coronavirus Areu
  • Regione lombardia
    Rimozione di amianto dagli edifici privati: lunedì al via il bando da 1 milione di euro
    Amianto nelle scuole
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it