BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Amianto alla Fratus: nuovo blitz dei carabinieri; il sindaco indagato: “Non ho colpe”

Un caso che si trascina dal 2013 nella zona della Valcalepio. Quattro gli indagati, tra cui Giovanni Benini: "Il piano per la rimozione è già stato predisposto, aspetto il via libera"

Nuovo blitz nelle scorse ore dei carabinieri del Noe con i tecnici di Ats nei cantieri abbandonati della Fratus di Quintano di Castelli Calepio, dove sono in corso indagini per un presunto disastro ambientale.

I sigilli posti all’azienda, ormai in liquidazione, sarebbero stati rimossi. Gli accertamenti di Ats Bergamo e Brescia (essendo il sito al confine con Palazzolo) hanno confermato la necessità di rimuovere la lastre di amianto ancora presenti sui tetti e le coperture, che con il tempo hanno iniziato a usurarsi e potrebbero essere pericolose.

Un problema che si trascina dal 2013 nella zona della Valcalepio, con tutti i pericoli annessi. Nell’estate dello scorso anno l’episodio più rischioso, con un vasto incendio che potrebbe aver diffuso nell’aria le molecole del pericoloso materiale.

I sigilli erano stati messi prima dell’emergenza Covid dai carabinieri coordinati dal pm della Procura di Brescia Antonio Bassolino, che ha iscritto nel registro degli indagati quattro persone: il sindaco di Castelli Calepio Giovanni Benini e la sua responsabile dell’Ufficio ambiente Lucia Andriola per omissione di atti d’ufficio, oltre ai proprietari del sito industriale Luigi Fratus e la figlia Patrizia, per cui si ipotizza il concorso in disastro ambientale e l’omessa bonifica.

Il primo cittadino calepino si dice tranquillo: “La prossima settimana avrò un incontro con il magistrato bresciano per chiarire la mia posizione – le parole di Benini – . Gli spiegherò che non ho colpe, in quanto la rimozione dell’amianto non posso portarla a termine senza il permesso dei titolari, essendo una proprietà privata.

Il piano è già stato predisposto con una cifra di 50mila euro. Ora aspetto il via libera, dall’azienda o dalla procura che ha sequestrato l’impianto. Io non posso andare in casa di altri, sarebbe un abuso di potere”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.