BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Offrono guanti anti-covid e chiedono soldi per le famiglie povere, ma è una truffa

Denunciate tre donne: chiedevano offerte nel parcheggio del Leroy Merlin per una presunta associazione, dichiarando di essere autorizzate dal Comune

I Carabinieri della Tenenza di Seriate hanno denunciato tre donne milanesi che offrivano guanti anti-covid e chiedevano offerte per conto di una presunta associazione benefica, dichiarando di essere autorizzate dal Comune e di destinare il ricavato alle famiglie bisognose.

Nel primo pomeriggio di mercoledì 20 maggio, nel parcheggio del Leroy Merlin, il comandante della Tenenza, in borghese e libero dal servizio, individuava le tre donne di 45, 43 e 38 anni – quest’ultima con precedenti analoghi – che con fare rassicurante e presentandosi come appartenenti all’associazione benefica “Scarpetta rossa” – poi risultata estranea ai fatti – con tanto di banchetto e cartellino ben visibile chiedevano offerte ai passanti da devolvere alle famiglie bisognose del paese.

Nella circostanza, il comandante dei Carabinieri, dopo aver verificato con il sindaco Cristian Vezzoli l’inesistenza di qualsiasi autorizzazione da parte dell’amministrazione comunale, con l’ausilio della Polizia Locale identificava le tre donne procedendo ad ulteriori accertamenti, nel corso dei quali sono stati rinvenuti all’incirca 800 euro, in parte nascosti nella ruota di scorta della loro auto.

A termine delle attività, le responsabili sono state denunciate per truffa in concorso e sottoposte a foglio di via obbligatorio, mentre l’auto e il materiale utilizzato sono stati sequestrati.

“Purtroppo anche i truffatori tornano alla loro ‘normalità’ e gli sciacalli in azione, perché il lupo perde il pelo ma non il vizio – ha commentato il sindaco Vezzoli, che ha reso pubblica la vicenda sui social -. È veramente triste e squallido constatare che ci sono già persone pronte a truffare ed a raggirare con il pretesto di aiutare i poveri”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.