Accusato di rapine a un minore e a una donna di Fara Gera d'Adda, 31enne va in cella - BergamoNews
L'arresto

Accusato di rapine a un minore e a una donna di Fara Gera d’Adda, 31enne va in cella

L'operazione dei carabinieri di Fara

Nella serata di mercoledì 20 maggio, nel corso di un apposito servizio, i militari della stazione di Fara Gera d’Adda, hanno eseguito un ordine di custodia cautelare in carcere emesso dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Bergamo a seguito di una rapina e di un tentato furto con strappo perpetrati a Fara nel mese di aprile da un 31enne originario del Marocco, irregolare in Italia con dimora Truccazzano.

Un mese fa l’uomo (precisamente il 20 e il 21 aprile) si era reso responsabile di due episodi: aveva rapinato un minore dello smartphone e, in un’altra occasione, non aveva esitato a buttare in terra una donna nel tentativo di portarle via la borsa.

Sono in corso ulteriori accertamenti degli investigatori volti a verificare se possa esser stato anche l’autore di una tentata rapina avvenuta il 16 aprile, sempre a Fara, ai danni di una donna del
posto alla quale aveva cercato di porta via la borsa.

Il 31enne è stato accompagnato alla Casa circondariale di Bergamo dove è a disposizione dell’autorità giudiziaria.

leggi anche
  • Giovedì mattina
    Spinone, donna investita mentre porta a spasso il cane: grave
    Elisoccorso
  • Giovedì mattina
    Scontro tra auto e moto ad Arcene: 66enne in condizioni gravissime
    Incidente Arcene
  • Seriate
    Offrono guanti anti-covid e chiedono soldi per le famiglie povere, ma è una truffa
    Truffatrici
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it