BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Uccise la fidanzata a Bergamo, poi tentò di sgozzare la nuova compagna: per la perizia è sano di mente

L'uomo, 37 anni, lo scorso ottobre si trovava in carcere per omicidio, ma stava usufruendo di un permesso di lavoro esterno

Lo scorso ottobre, a Torino, tentò di sgozzare la compagna con dei cocci di bottiglia. A quanto pare lei non voleva più vederlo dopo avere scoperto le ombre del suo passato: M. S., nel 2008, aveva ucciso a Bergamo l’allora fidanzata 21enne, e per questo era stato condannato. L’uomo, detenuto nel carcere delle Vallette, aveva un permesso di lavoro esterno e secondo i risultati della perizia è sano di mente.

Stando a quanto emerso dalla discussione, il gesto fu dettato da “impulsività emotiva” alimentata dal consumo di una bevanda alcolica. La giovane, oltre ad avere deciso di troncare la relazione, aveva manifestato la volontà di non avere più contatti con lui a qualsiasi titolo. Safi si era allontanato con una scusa dal posto di lavoro (una birreria) e l’aveva raggiunta pretendendo di accompagnarla a casa: poi l’aveva aggredita.

La donna, ferita al volto, fu operata all’ospedale Maria Vittoria. Ora è assistita dall’avvocato Anna Ronfani. L’indagato è difeso dall’avvocato Davide Barillaro. Il pubblico ministero Patrizia Gambardella sta procedendo per tentato omicidio.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.