Quantcast
Uccise la fidanzata a Bergamo, poi tentò di sgozzare la nuova compagna: per la perizia è sano di mente - BergamoNews
Torino

Uccise la fidanzata a Bergamo, poi tentò di sgozzare la nuova compagna: per la perizia è sano di mente

L'uomo, 37 anni, lo scorso ottobre si trovava in carcere per omicidio, ma stava usufruendo di un permesso di lavoro esterno

Lo scorso ottobre, a Torino, tentò di sgozzare la compagna con dei cocci di bottiglia. A quanto pare lei non voleva più vederlo dopo avere scoperto le ombre del suo passato: M. S., nel 2008, aveva ucciso a Bergamo l’allora fidanzata 21enne, e per questo era stato condannato. L’uomo, detenuto nel carcere delle Vallette, aveva un permesso di lavoro esterno e secondo i risultati della perizia è sano di mente.

leggi anche
carabinieri
Il precedente nel 2008
Torino, cerca di sgozzare la compagna: in passato aveva ucciso la fidanzata a Bergamo

Stando a quanto emerso dalla discussione, il gesto fu dettato da “impulsività emotiva” alimentata dal consumo di una bevanda alcolica. La giovane, oltre ad avere deciso di troncare la relazione, aveva manifestato la volontà di non avere più contatti con lui a qualsiasi titolo. Safi si era allontanato con una scusa dal posto di lavoro (una birreria) e l’aveva raggiunta pretendendo di accompagnarla a casa: poi l’aveva aggredita.

La donna, ferita al volto, fu operata all’ospedale Maria Vittoria. Ora è assistita dall’avvocato Anna Ronfani. L’indagato è difeso dall’avvocato Davide Barillaro. Il pubblico ministero Patrizia Gambardella sta procedendo per tentato omicidio.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
leggi anche
Boltiere, bimbo di 10 anni muore schiacciato in un cassonetto
La tragedia
Sotto sequestro il cassonetto in cui è morto Karim: si indaga per omicidio colposo
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI