BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Opere di Bozzetto, Manara, Palumbo… all’asta per l’ospedale di Bergamo

Sarà possibile acquistare le opere di grandi fumettisti italiani e il ricavato andrà al Papa Giovanni

Appassionati di fumetti, è il momento di mettere una mano al cuore e l’altra al portafogli.

Al cuore perché è possibile portarsi a casa e mettere nella propria raccolta personale le opere di grandi fumettisti come Bruno Bozzetto, Milo Manara, Lorenzo Matteotti, Giuseppe Palumbo, Simone Bianchi e tanti altri. Al portafoglio perché dal dal 22 maggio al 3 giugno, con l’asta di beneficenza online #disegnamoXaiutare, queste opere potranno essere acquistate e tutte le somme raccolte da Catawiki andranno direttamente all’Ospedale Papa Giovanni XXIII. Per questo motivo è nata l’iniziativa “DI-SEGNALI per loro”, perché “il fumetto e la satira sono puntuali testimoni del tempo in cui viviamo: con un tratto o una pennellata lasciano da sempre un segno indelebile”.

“Con l’ispirazione e il sostegno del Maestro Bruno Bozzetto, la Marco Lucchetti Art Gallery – spiegano gli organizzatori – ha promosso questa attività, in collaborazione con l’ARF di Roma, la casa d’Aste Catawiki, il Comicon di Napoli, Inventario di Bologna le Librerie SuperGULP e con gli amici Claudio Curcio, Luca Mencaroni, Giuseppe Palumbo e Renato Presta”.

manara

“Abbiamo per questo lanciato qualche settimana fa una “call to action” a tutti i disegnatori, scrittori, editori, commercianti, giornalisti e a tutti gli amanti del nostro mondo fatto, che hanno dimostrato una concreta solidarietà: la risposta è stata eccezionale!”. Più di un centinaio i fumettisti che hanno aderito all’iniziativa: dalle matite dei grandi maestri a quelle di chi si è appena affacciato alla professione e poi scrittori, editori, commercianti, galleristi e collezionisti.

“Tutti hanno partecipato con grande energia -concludono gli organizzatori-: uniti per dimostrare quanto il nostro mondo possa presentare, ancor più in questo momento di grandissima difficoltà, la sua coesa capacità di sostegno a una indispensabile struttura sanitaria all’interno della quale operano, con professionalità e grande umanità, persone normali di sicuro eccezionali per dedizione e sacrificio”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.