• Abbonati
Coronavirus

“In autunno si rischia il caos: servono vaccinazioni antinfluenzali a tappeto”

Il dottor Guido Marinoni, presidente dell’Ordine dei Medici di Bergamo spiega: “Quest'anno tutti vorranno comprare il vaccino ed è importante che la Regione si attivi in tempo"

Il lockdown si è allentato ma bisogna continuare a rispettare le regole anti-contagio: la pandemia del Coronavirus non è finita e in autunno si rischia una nuova ondata. Il monito è arrivato dal direttore generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità – Europa Hans Kluge e dal direttore scientifico dello Spallanzani di Roma Giuseppe Ippolito, membro del Comitato tecnico-scientifico italiano.

Per ridurre i rischi, oltre al rispetto delle restrizioni a livello individuale, guardando in prospettiva è necessario organizzare per tempo le vaccinazioni antinfluenzali. Il dottor Guido Marinoni, presidente dell’Ordine dei Medici di Bergamo spiega: “Non sarà come l’anno scorso, quando c’erano tante dosi di vaccini a disposizione e chi le produce cercava di venderle: vorranno comprarle in tutto il mondo ed è importante che la Regione riesca a reperirle in quantitativi adeguati. Il periodo autunnale sarà particolarmente delicato: tante persone cominceranno ad avere la febbre perché magari avranno l’influenza o il Covid-19 e se non sottoponiamo tutti al vaccino antinfluenzale sarà difficile capire di quale patologia si tratterà. E nel dubbio cosa faremo? Isoleremo per un mese chiunque avrà la febbre compreso chi ha una normale influenza o starnutisce tre volte a novembre a causa di un semplice raffreddore? Se si vuole evitare o almeno limitare questa situazione serve una vaccinazione antinfluenzale a tappeto. Ma va considerato un altro aspetto: i vaccini non potranno essere eseguiti come prima, con tutte le persone in attesa nell’ambulatorio del medico di famiglia. Non sarà semplice gestire l’afflusso di pazienti ed è necessario organizzarsi in anticipo”.

“In questi giorni – conclude il dottor Marinoni – tendenzialmente la gente è molto scrupolosa nell’evitare le possibilità di contagio e si continuerà così per un po’. Il rischio è che man mano l’attenzione si allenti, ci si stanchi di fare la coda per entrare in un luogo pubblico, si invitino gli amici a pranzo, a cena o a vedere le partite se dovesse ripartire il campionato, senza rispettare le distanze… E il Coronavirus potrebbe tornare in autunno: se non si sarà pronti per affrontarlo potrebbe esserci il caos”.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Abbonati!
leggi anche
Scandella Carretta sui tamponi
Il caso
“La Regione rimborsa il tampone solo se positivo, è un disincentivo bello e buono”
Marinoni coronavirus
Coronavirus
“Con il calo dei contagi ci sono meno casi gravi, ma non è certo che il virus sia mutato”
Vaccino anti-influenzale
L'assessore regionale
Gallera: “Vaccinazioni per l’influenza a ottobre, come previsto, uno spray per i bimbi”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI