Spirano, consegnate ai giovani 850 mascherine lavabili - BergamoNews
Emergenza coronavirus

Spirano, consegnate ai giovani 850 mascherine lavabili

Insieme alle mascherine lavabili, decorate con vari disegni, alcune mamme del Comitato Genitori e alcuni volontari hanno distribuito anche delle mascherine monouso e dei pacchetti di caramelle.

Un pensiero per ringraziare tutti i giovani di Spirano e far loro i complimenti per il grandissimo sforzo che hanno dovuto affrontare in queste settimane di emergenza.

Con questo obiettivo, il Comune di Spirano, la Parrocchia e il Comitato Genitori hanno consegnato nella mattina di sabato 16 maggio ai bambini e ai ragazzi della scuola dell’infanzia, della scuola primaria e della scuola secondaria di primo grado 850 mascherine lavabili. Tutte le mascherine sono state donate al Comune dalla ditta ONIS di Spirano, che già nelle scorse settimane aveva regalato all’amministrazione comunale uno striscione con la scritta “Spirano Mola Mia”, attualmente visibile fuori dal Palazzo Comunale.

spirano mascherine

Insieme alle mascherine lavabili, decorate con vari disegni, alcune mamme del Comitato Genitori e alcuni volontari hanno distribuito anche delle mascherine monouso e dei pacchetti di caramelle. A completare il piccolo dono, un pensiero di ringraziamento per tutti i giovani… ”certi che andrà tutto bene”.

“Per prima cosa – dichiara il sindaco di Spirano Yuri Grassellivoglio ringraziare ufficialmente la ditta ONIS di Spirano e i titolari Serse e Monica per il loro grande gesto. La loro donazione è stata infatti preziosa: ogni bambino e ogni ragazzo di Spirano ha da oggi una mascherina lavabile e colorata, con disegni vari in base all’età degli studenti. Oltre all’azienda e ai volontari che ci hanno aiutato con la distribuzione, ringrazio poi il parroco don Roberto e il Comitato Genitori che, insieme al Comune, hanno organizzato l’iniziativa, un piccolo pensiero per dire grazie a tutti i nostri ragazzi per l’impegno che hanno dimostrato in questi giorni così difficili e delicati”.

“Questa iniziativa così semplice rivela un significato ricco e profondo – spiegano l’assessore all’Istruzione Ramona Rizzi e l’assessore alla Protezione Civile Giambattista Premarini, che insieme al Comitato Genitori hanno coordinato la distribuzione -. Questo pensiero è infatti il nostro personale ringraziamento per questi bambini e per questi ragazzi che, in modo diligente, hanno affrontato con grande senso di responsabilità il periodo dell’emergenza, rispettando le misure che ci sono state imposte e impegnandosi – per gli studenti della primaria e della scuola secondaria di primo grado – con la didattica online. I giovani vivranno i prossimi mesi con queste mascherine: è un modo per sentirsi ancora più parte della comunità e per sentire più vicino le istituzioni e tutte le persone che credono in loro”.

leggi anche
  • Terranostra
    Agriturismi, arriva il protocollo di sicurezza per un’ospitalità garantita
    Agriturismo
  • L'iniziativa
    “Berghem mola mia”: la pizza che “costa” una donazione alla protezione civile
    Al Posto Giusto
  • Coronavirus
    Il rientro a Bergamo delle salme dei malati portati fuori provincia pagato dalla Regione
    Bare Coronavirus
  • Il deputato
    Coronavirus: Ribolla (Lega): “Dall’Irlanda ringraziamenti a medici e infermieri di Bergamo”
    Generico maggio 2020
  • Comune per comune
    Mascherine: 750mila in arrivo ai comuni bergamaschi, ecco quali
    mascherine
  • La ripresa
    Spirano, dopo l’emergenza Covid contributi a imprese, sport e istruzione
    spirano mascherine
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it