BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Fase 2, approvato il decreto legge: ecco che cosa cambia da lunedì 18 maggio

Il decreto legge approvato dal Consiglio dei ministri "delinea il quadro normativo nazionale all'interno del quale, dal 18 maggio al 31 luglio 2020

Il Consiglio dei ministri ha approvato il decreto legge quadro che traccia il contesto della nuova fase di ulteriore allentamento delle misure, al via da lunedì 18 maggio. È stata raggiunta l’intesa tra il Governo e le Regioni, nonostante i dubbi sollevati da alcuni ministri nel corso della riunione.

Il decreto legge approvato dal Consiglio dei ministri “delinea il quadro normativo nazionale all’interno del quale, dal 18 maggio al 31 luglio 2020, con appositi decreti od ordinanze, statali, regionali o comunali, potranno essere disciplinati gli spostamenti delle persone fisiche e le modalità di svolgimento delle attività economiche, produttive e sociali”.

I DETTAGLI NELL’ALLEGATO
Allegato.Regioni.Covid19

Riaperture di parrucchieri ed estetisti

Per parrucchieri ed estetisti, la richiesta è di “riorganizzare gli spazi, per quanto possibile in ragione delle condizioni logistiche e strutturali, per assicurare il mantenimento di almeno un metro di separazione sia tra le singole postazioni di lavoro, sia tra i clienti”. L’area di lavoro, “laddove possibile, può essere delimitata da barriere fisiche adeguate a prevenire il contagio”. I clienti e l’operatore dovranno indossare mascherine e dispositivi di protezione.

Riaperture delle palestre

Anche le palestre potranno riaprire. Come? dovranno “redigere un programma delle attività il più possibile pianificato”, per esempio con un sistema di prenotazioni, e “regolamentare gli accessi per evitare assembramenti”. Lo spogliatoio e le docce si potranno usare: basterà “organizzare gli spazi negli spogliatoi e nelle docce in modo da assicurare le distanze di almeno un metro, anche regolamentando l’accesso”. Le distanze di sicurezza da rispettare sono “almeno un metro per le persone mentre non svolgono attività fisica, almeno due durante l’attività fisica”. Indumenti e oggetti personali devono “essere riposti dentro la borsa personale, anche quando sono negli armadietti”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.