Bergamo e Brescia insieme dopo l'emergenza: si candidano a diventare capitale della cultura - BergamoNews
Edizione 2023

Bergamo e Brescia insieme dopo l’emergenza: si candidano a diventare capitale della cultura

L'annuncio dei sindaci Gori e Del Bono, Ubi Banca sosterrà il progetto

Bergamo e Brescia, la Città dei Mille e la Leonessa d'Italia: insieme si candidano a diventare Capitale italiana della cultura 2023. Una decisione simbolica, presa durante uno dei momenti più bui della loro storia. Lo hanno annunciato venerdì 15 maggio i sindaci di Bergamo Giorgio Gori e Brescia Emilio Del Bono, con i rispettivi assessori alla cultura Nadia Ghisalberti e Laura Castelletti.

Le due città, gravemente colpite dal coronavirus, intendono lanciare un'alleanza che parte dalla cultura per diventare simbolo di rinascita e ripartenza per l'intero Paese. "L'idea di lavorare ad un progetto comune è partita da Brescia - ha ammesso il sindaco Gori - e l'abbiamo accolta in mezzo secondo". I tragici fatti degli ultimi mesi hanno comportato la sospensione di quasi tutte le attività, imponendo una serie riflessione sul come e cosa significherà "fare cultura" nei prossimi anni. "Bergamo aveva in programma la mostra dedicata a Peterzano e stava lavorando alla riapertura del teatro Donizetti - ha portato come esempio il sindaco Gori -. Ora dobbiamo cominciare a riaccenedere il motore e questo è un settore sul quale vogliamo puntare".

"In questi momenti è necessario progettare il futuro, darsi un obiettivo strategico - ha spiegato il collega Del Bono, che ha preso per primo la parola -. I nostri territori escono da mesi difficili, di grande sofferenza e dolore, per questo abbiamo scelto di annunciare ora un cammino e un progetto condivisi".

Il programma del 2020 avrebbe visto Parma Capitale italiana della cultura, ma è slittato di un anno a causa dell'epidemia: per questo Bergamo e Brescia puntano all'edizione 2023. Al dossier per la candidatura lavoreranno in stretta sinergia i due assessori alla cultura, mentre il progetto ha già definito una partnership importante con il gruppo Ubi Banca. "Vogliamo restituire al mondo l'immagine vera delle nostre città prima che venissero travolte da questa tragedia - le parole dell'assessore bergamasco Ghisalberti -. Città attrattive, di grande bellezza e armonia, che hanno reinventato se stesse anche grazie a turismo culturale, arte e spettacolo".

leggi anche
  • Le mappe
    Studio dell’Università: a Bergamo si è abbassata l’età dei contagiati dal Covid
    Mappe contagi
  • La situazione
    Da Seriate a Treviglio, si svuotano le terapie intensive degli ospedali
    Terapia Intensiva
  • L'assessore angeloni
    Onoranze funebri, Federconsumatori premia Bof: “Giusto abbassare le tariffe”
    Coronavirus Covid cimitero pompe funebri
  • Bergamo
    “Sindaco, venga a parlare con noi piccoli esercenti dei borghi per aiutarci a rinascere”
    Birra
  • L'iniziativa
    Al via raccolta fondi a sostegno della Croce Azzurra di Almenno San Salvatore
    Croce Azzurra di Almenno San Salvatore
  • L’assessore ghisalberti
    Un palco estivo al Lazzaretto: primi invitati la coppia Alessio Boni – Omar Pedrini
    alessio boni fondazione
  • Il sindaco orlando
    “Palermo sostiene con gioia la candidatura di Bergamo capitale della cultura”
    Giorgio Gori Leoluca Orlando
  • Obiettivo 2023
    Dopo Palermo, l’Anci intera verso il sostegno a Bergamo – Brescia capitale della cultura
    Bergamo e Brescia
  • Crescono i consensi
    Capitale della cultura 2023, Anci Lombardia sostiene la candidatura di Bergamo-Brescia
    bergamo brescia
  • Commissione bilancio
    Capitale della cultura 2023: sì della Camera, per Bergamo e Brescia è fatta
    Bergamo Brescia Dori
  • Le reazioni
    Bergamo e Brescia capitali della Cultura, i sindaci: “Felici e onorati”
    Gori e Del Bono
  • Come sarà
    Verso Bergamo capitale della Cultura, il Museo archeologico di piazza Cittadella si rifà il look
    Museo archeologico
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it