Viene licenziata dall'azienda e organizza estorsione da 100mila euro: 3 arresti - BergamoNews
Tra bergamo e brescia

Viene licenziata dall’azienda e organizza estorsione da 100mila euro: 3 arresti

La coppia di imprenditori non ha consegnato denaro ma si è rivolta ai carabinieri

I carabinieri di Chiari e del Nucleo investigativo provinciale, con il coordinamento della Direzione Distrettuale antimafia, hanno tratto in arresto tre persone per un tentativo di estorsione a due coniugi a capo di un’azienda bergamasca.

Il piano era stato organizzato da una donna bresciana  per cercare di vendicarsi dopo che era stata licenziata dalla stessa ditta. Insieme al compagno ha chiesto appoggio a un amico,che con un altro complice ha messo in atto il tentativo di estorsione pretendendo dai titolari la cifra di 100mila euro come indennizzo per il licenziamento, parlando anche di stretti contatti con famiglie malavitose del compagno della donna licenziata.

La coppia di imprenditori però non ha consegnato denaro ma si è rivolta ai carabinieri.

A capo del clan c’era il compagno della donna licenziata, un 44enne calabrese ma residente tra Brescia e Bergamo. Ha precedenti per stupefacenti, armi e reati contro il patrimonio oltre che danneggiamento e calunnia. Lui, in semilibertà ai servizi sociali per scontare una condanna, ora è finito dietro le sbarre.

Ai domiciliari, invece, sono finiti un consulente originario di Roma ma residente a Chiari che ha cercato di mettere in atto l’estorsione e un bresciano di 46 anni pregiudicato a residente a Erbusco. Tutti e tre sono accusati di tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso.

leggi anche
  • La novità
    Bonus bici e monopattini: come funziona e chi può richiederlo a Bergamo
    Bici
  • Editoria
    Nuovo cda per Bergamonews: Giorgio Berta presidente, Simona Bonaldi amministratore delegato
    Generico maggio 2020
  • Giovedì sera
    Prada di Mapello, rubano da un’auto due borsoni con documenti e chiavi
    auto sibilla
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it