Travolto da una valanga, il Ragno Matteo Bernasconi muore a 38 anni - BergamoNews
In valtellina

Travolto da una valanga, il Ragno Matteo Bernasconi muore a 38 anni

Alpinista esperto, lascia una figlia piccola e la compagna

Tradito dalla sua amata montagna, l’alpinista Matteo Bernasconi è morto a soli 38 anni. Il suo corpo è stato ritrovato alle 2 della scorsa notte. Lo riporta LeccoNotizie.com.

Originario di Como e residente a Busto Arsizio, 38 anni, il Berna, così era conosciuto da tutti, era entrato a far parte dei Ragni della Grignetta nel 2003, prima di diventare Aspirante Guida Alpina (2009) e Guida Alpina (2011), trasformando la sua passione in una professione.

Il suo nome era noto anche tra gli appassionati della montagna bergamaschi.

L’incidente sarebbe avvenuto nel Canale della Malgina, in Valtellina, noto itinerario scialpinistico. Era da solo e sarebbe stato travolto da una valanga. Nella serata di martedì sono scattate le ricerche e il corpo senza vita è stato individuato dagli uomini del Soccorso Alpino intorno alle 2 di notte.

Alpinista esperto, Matteo Bernasconi lascia una figlia piccola e la compagna.

Il suo ultimo post su Facebook in cui annunciava la ripresa dell’attività dopo il lockdown:

leggi anche
  • L'allerta
    Soccorso alpino lombardo: attenzione al pericolo valanghe
    valanga ornica
  • Venerdì sera
    Valanga sulla strada: interrotto il transito sulla Lenna-Foppolo
    Valanga Foppolo
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it