Ripartiamo dal welfare: perché lo stato sociale non è un bene negoziabile - BergamoNews
Acli

Ripartiamo dal welfare: perché lo stato sociale non è un bene negoziabile

Mercoledì 13 maggio sulla pagina Facebook e sul canale Youtube delle Acli di Bergamo è previsto il nuovo appuntamento del ciclo d’incontri online "Un nuovo inizio"

Mercoledì 13 maggio dalle 18.15 alle 19 sulla pagina Facebook e sul canale Youtube delle Acli di Bergamo è previsto il nuovo appuntamento del ciclo d’incontri online “Un nuovo inizio”, il live streaming delle Acli di Bergamo per immaginare gli scenari dopo l’emergenza. Un percorso di conversazioni con un ospite di volta in volta diverso, per tentare di rispondere a due domande: “Come ci sta cambiando il virus? Come saremo cambiati dopo il virus?”.

L’ospite di questa settimana sarà Johnny Dotti per un incontro dal titolo “Ripartiamo dal welfare. Perché lo stato sociale non è un bene negoziabile”.

Imprenditore sociale, pedagogista e docente all’Università Cattolica di Milano. Presidente di “È.ONE – abitarègenerativo”, amministratore delegato di «ON impresa sociale» e già consigliere delegato e presidente di Cgm e di Welfare Italia, ha pubblicato diversi libri. Tra questi, anche “Educare è roba seria” e “La vita dentro la morte”.

Per partecipare è sufficiente collegarsi mercoledì alle 18.15 a uno di questi due link:
https://www.facebook.com/aclibergamo/
https://www.youtube.com/ACLIBergamo/

Clicca qui per rivedere le puntate precedenti:
https://www.youtube.com/playlist?list=PL1OuWqlcCZ4On8Rc8JMZuWAIr19VHMu-p

Johnny Dotti
leggi anche
  • L'intervento
    Peracchi, Cgil: “Nuove modalità di lavoro per evitare rancore e rabbia sociale”
    lavoro coronavirus
  • Fase 2
    Il liutaio di via Pignolo Matteo Pontiggia: “Di nuovo al lavoro per onorare Bergamo”
    Matteo Pontiggia
  • Trescore balneario
    “Piccolo sarai tu!”: anche nel 2021 Gemels rimborsa nido e materna ai dipendenti
    Gemels
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it