BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Bergamo, la nomina del Csm: Antonio Chiappani nuovo procuratore capo

Chiappani succede a Walter Mapelli, l'ex capo di Piazza Dante deceduto a 60 anni l'otto aprile dello scorso anno

Antonio Chiappani nuovo procuratore capo di Bergamo. L’ufficialità è arrivata nella mattinata di mercoledì 13 maggio, con il plenum del Consiglio Superiore della Magistratura che ha nominato il 66enne bresciano (di Orzinuovi).

Nominato con decreto ministeriale il 19 marzo 1983, è stato dal 15 giugno 1984 sostituto procuratore della Repubblica a Brescia e dal 10 ottobre 2014 era Procuratore della Repubblica del Tribunale di Lecco.

Chiappani, che succede a Walter Mapelli, l’ex capo di Piazza Dante deceduto a 60 anni l’otto aprile dello scorso anno, ha superato superato la concorrenza degli altri candidati: Mario Venditti, Lucia Musti, Alessandro Mancini, Grazia Pradella, Calogero Gaetano Paci, Nicola Serianni, Enrico Pavone ed Elio Romano.

La nomina arriva in seguito a una relazione molto positiva sull’operato del magistrato: “Esaminati approfonditamente i fascicoli personali degli aspiranti e la documentazione depositata nella presente procedura di concorso il dottor Chiappani risulta certamente il magistrato più idoneo, per attitudini e merito, al conferimento dell’ufficio di Procuratore della Repubblica del Tribunale di Bergamo”.

“Un magistrato – prosegue il documento – ormai veramente esperto, perfettamente padrone sia della materia penalistica sostanziale e processuale che delle tecniche di investigazione e di argomentazione, l’una e le altre profuse con sagacia, impegno e acume anche in settori particolarmente complessi e insidiosi quali quelli da lui indagati.

Le eccellenti qualità personali e professionali, l’entusiastico spirito di servizio, le ottime doti di intelligenza e di carattere e il ben avvertito senso dell’Istituzione che egli rappresenta rendono il dottor Chiappani senza dubbio meritevole di ogni più positiva valutazione della sua professionalità”.

Chiappani ha già in mente qualcosa per gli uffici di piazza Dante: “Ha elaborato articolate proposte organizzative per l’ufficio che aspira a dirigere, contenute in un documento che rivela sicura conoscenza dell’attuale assetto organizzativo della Procura di Bergamo e della realtà criminale del territorio”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.