BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Coronavirus, oltre 10mila tamponi in Rsa e residenze per disabili: ecco i primi risultati

Nelle case di riposo ne sono già stati eseguiti 8.458 e refertati 5.277. Dagli esiti risulta che i positivi sono 600, pari all’11,4%

Sono oltre 10.000 i tamponi che Ats Bergamo ha effettuato nelle case di riposo e nelle residenze per disabili sugli ospiti e sugli operatori.

Questi tamponi sono stati processati da laboratori fuori provincia e gli esiti sono giunti martedì 12 maggio. Per questo consentono anche di avere un quadro più preciso del dato provinciale nel suo complesso: sono 42,57 ogni 1.000 abitanti i tamponi fatti nella Bergamasca (un risultato che posiziona la nostra provincia al terzo posto in Regione per numero di tamponi ogni mille abitanti, dopo Cremona e Lodi, di poco superiore a Brescia con 42,36 tamponi ogni mille abitanti).

Per quanto riguarda le Rsa sono 9.948 i tamponi programmati tra ospiti e dipendenti degli enti gestori: ne sono già stati eseguiti 8.458 e, di questi, ne sono stati processati e refertati 5.277. Dagli esiti risulta che le persone positive al coronavirus sono seicento, pari all’11,4%, e sono state messe in isolamento per la quarantena. È interessante evidenziare come la quota di positività sia sostanzialmente sovrapponibile tra gli operatori e gli ospiti.

Rimangono da fare 1.490 tamponi: 92 sono stati eseguiti nella giornata odierna e 1.398 sono calendarizzati per domani. Gli esiti sono attesi per la fine di questa settimana. Per quanto riguarda le Rsd, i tamponi da fare (sempre tra ospiti e operatori) sono 1.036, tutti in programma per la giornata di venerdì 15 maggio.

“Con venerdì 15 maggio saranno stati ‘tamponati’ tutti gli ospiti e tutti gli operatori – commenta Massimo Giupponi, direttore generale di Ats Bergamo -. Un lavoro importante e capillare i cui risultati, però, in termini di nuovi positivi incidono pesantemente in particolare sulla giornata odierna, con 360 persone in più. Ma, come detto, si tratta degli esiti dei tanti tamponi processati fuori provincia e, inoltre, il numero è cumulativo di più giornate. È una precisazione importante, che tengo a fare per non creare allarmismi sul numero dei nuovi positivi nel nostro territorio”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.