"Test e tamponi per sconfiggere il virus: il fattore tempo non è una variabile indipendente” - BergamoNews
Mario gatti, cisl

“Test e tamponi per sconfiggere il virus: il fattore tempo non è una variabile indipendente”

"Incomprensibile la scelta di Ats e del Consiglio di rappresentanza dei sindaci di attendere le delibere della Giunta regionale per attivare campagne di screening della popolazione".

“Appare incomprensibile la scelta di Ats e del Consiglio di rappresentanza dei sindaci di attendere le delibere della Giunta regionale per attivare campagne di screening della popolazione. La motivazione è che le delibere dovrebbero fornire linee guida più certe e superare i dubbi e le variabili che oggi non permettono di fornire indicazioni chiare. È vero che ci sono dubbi rispetto all’attendibilità dei test sierologici, ma anche i tamponi sono una fotografia certa del momento in cui la persona viene sottoposta all’esame, ma non danno nessuna garanzia rispetto alla possibile evoluzione in positività, in caso di esito negativo, nei giorni successivi al test”. Mario Gatti, segretario organizzativo di Cisl Bergamo, esprime tutta la perplessità rispetto a scelte che coinvolgono migliaia di famiglie, imprese e lavoratori.

“Con le modalità del propagarsi dell’infezione il fattore tempo non è una variabile indipendente, ma anzi è prioritario intervenire immediatamente al fine di poter conoscere la reale situazione delle persone che sono entrate in contatto con il virus e poter cosi isolare e contenere la diffusione”.

Permettere una ripresa delle varie attività senza un controllo rischia di essere causa di facilitazione dell’attivazione di nuovi focolai di infezione, sostiene il segretario Cisl, e con essa il ritorno di misure restrittive che in questo caso sarebbero davvero devastanti sia per l’economia delle nostre valli, sia per i livelli relazionali già fortemente provati con le chiusure che stanno terminando. “Le conseguenze della gestione dell’emergenza sanitaria in atto e l’esigenza di procedere ad una pronta ripresa delle attività imprenditoriali e dei servizi socio-sanitari richiederebbero, per la garanzia della sicurezza di tutti, la messa in atto di una serie di azioni di screening che favorirebbero una maggiore conoscenza delle reali entità dell’infezione presso la popolazione. Parecchi enti locali erano già pronti ad attivare campagne di somministrazione di test sierologici per la propria cittadinanza, ma l’indicazione di Ats è stata che tali campagne non potevano essere attuate se non alla conclusione della campagna epidemiologica in atto”.

La campagna epidemiologica di Ats è rivolta alle persone in sorveglianza attiva, quelle positive e che avevano avuto contatti diretti con persone positive. “La scelta migliore – conclude Gatti – è invece la somministrazione di test sierologici e, nel caso di positività, procedere alla somministrazione del tampone. Su un’operazione del genere non è possibile attendere i tempi della burocrazia, ma andrebbero fatte scelte immediate per favorire il ritorno alle proprie attività personali in modo sicuro, evitando così di tener chiusi servizi fondamentali, quali scuole, servizi socio-sanitari e altro…, al fine di favorire anche una conciliazione dei tempi lavorativi con i tempi di cura familiare. E questo sarebbe possibile farlo anche contenendo i costi a carico della collettività, vista la disponibilità di aziende e singoli cittadini di sostenere direttamente la spesa”.

leggi anche
  • La lettera
    Covid, i pediatri: “Per fermare i contagi fateci prescrivere tamponi ai bimbi”
  • Coronavirus
    Mancano ancora i tamponi: il rischio di contagio nella fase 2
  • Innovazione
    Parte da Bergamo il maxi progetto per processare oltre 2mila tamponi al giorno
  • A milano
    La Procura indaga sui test sierologici della Regione Lombardia affidati senza gara
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it