Ora anche il Governo chiarisce: si può fare la spesa in un altro Comune - BergamoNews
La precisazione

Ora anche il Governo chiarisce: si può fare la spesa in un altro Comune

Aggiornate le Faq sul sito ufficiale, col chiarimento in merito agli spostamenti che si appella comunque al buonsenso.

È possibile fare la spesa in un Comune diverso da quello in cui si abita? Con l’inizio della Fase 2 questa è stata, insieme alla questione “congiunti”, la domanda più frequente dei cittadini.

Già martedì 5 maggio la Prefettura di Bergamo e la Polizia locale cittadina avevano confermato a Bergamonews che il limite territoriale comunale era caduto con l’entrata in vigore del nuovo decreto e che, quindi, era consentito spostarsi anche se preferibilmente “nei comuni più vicini o sul tragitto che portano da casa al posto di lavoro”.

Una comunicazione che era arrivata in modo “ufficioso” da via Tasso e che sul territorio bergamasco non veniva quindi applicata in modo omogeneo: diverse le segnalazioni di cittadini che, dopo aver letto il nostro articolo, si sono trovati a fare i conti con posizioni contrastanti di alcune polizie locali.

Nel weekend, però, anche il Governo ha chiarito una volta per tutte la questione, aggiornando le Faq sul Coronavirus presenti sul sito istituzionale.

In merito alla spesa, riportiamo di seguito la risposta integrale:

È possibile fare la spesa in un Comune diverso da quello in cui si abita?

È possibile spostarsi in ambito regionale per situazioni di necessità, come, ad esempio, fare la spesa, purché venga rispettato il divieto di assembramento e il distanziamento interpersonale di almeno un metro. Resta inteso che la giustificazione di tutti gli spostamenti ammessi, in caso di eventuali controlli, può essere fornita nelle forme e con le modalità consentite. Di norma la spesa deve farsi in esercizi ragionevolmente prossimi alla propria abitazione, pur non essendo più previsto il territorio comunale quale limite territoriale degli spostamenti; un maggior allontanamento è consentito solo in presenza di specifiche ragioni che lo rendano necessario.

Più informazioni
leggi anche
  • Fisascat cisl
    La Fase 3 preoccupa il turismo, settore “fragile” che dà lavoro a 32mila addetti
    turisti città alta
  • Il sindaco
    “Troppa gente non rispetta le regole”: a Lallio di nuovo chiusi i parchi comunali
    Lallio
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it