La Fase 3 preoccupa il turismo, settore "fragile" che dà lavoro a 32mila addetti - BergamoNews
Fisascat cisl

La Fase 3 preoccupa il turismo, settore “fragile” che dà lavoro a 32mila addetti

Fisascat Cisl chiede interventi a sostegno e rispetto delle regole. Alberto Citerio, segretario della categoria: “Un settore con oltre 32mila addetti, stagionali esclusi”

La principale preoccupazione nel settore turistico non riguarda la Fase 2, ma la Fase 3…. Quest’estate le strutture turistiche potranno operare? I turisti potranno arrivare da altri territori ed altre Regioni? I lavoratori potranno essere riassunti? Avranno lavoro gli Stagionali?

Stiamo parlando di un’industria che complessivamente a Bergamo conta su poco meno di 7000 imprese con 32.000 addetti, stagionali esclusi.

“Siamo davvero preoccupati per la tenuta delle aziende a vocazione turistica e per i livelli occupazionali”. Fisascat Cisl Bergamo sottolinea l’importanza che il turismo ha per la provincia e la consapevolezza che è sicuramente uno dei settori più colpiti dagli esiti della pandemia e che tarderà a ripartire.

“Da pochi anni il turismo a Bergamo sta crescendo, cominciando a diventare un settore trainante della crescita economica ed occupazionale; ma rimane un settore fragile in cerca di professionalità nuove e di un consolidamento dei risultati… In questa logica andava anche l’importante accordo territoriale sulla stagionalità sottoscritto lo scorso anno con Ascom e che ha dato buoni risultati. È già il momento – dice Alberto Citerio, segretario generale della categoria – di ragionare sui nuovi modelli di aggregazione, sulla loro sostenibilità economica e sui posti di lavoro da conservare. Come organizzazione sindacale abbiamo la responsabilità di salvaguardare salute e sicurezza insieme alla ripresa economica”.

“In questo momento, alcuni lavoratori del comparto stanno percependo ammortizzatori sociali, ma altrettanti, quelli definiti stagionali, non hanno ammortizzatori, non hanno prospettive di lavoro e attendono il bonus di 600 euro che per tanti ancora deve arrivare”. “Abbiamo anche i circa ottomila Lavoratori e Lavoratrici intermittenti o ‘a chiamata’ che sono esclusi dagli ammortizzatori sociali e senza reddito da due mesi e mezzo: una perdita per tutto il settore”.

Fisascat Cisl ritiene che le misure varate dal Governo non siano sufficienti. “Siamo pronti a dare il nostro contributo e invitiamo le associazioni datoriali a dare il via a comitati attraverso gli organismi paritetici territoriali, per accompagnare le imprese e i loro dipendenti, per iniziare a redigere protocolli sulla sicurezza. In una fase così delicata serve il rispetto delle regole da parte di tutte le aziende; una concorrenza sleale che danneggerebbe ulteriormente tutto il settore”.

leggi anche
  • Fisco facile
    On line le dichiarazioni dei redditi precompilate: più complete; come si scaricano
    dichiarazione redditi 2020 precompilata
  • Beneficenza
    Donati i mobili della Technix: a scuola e parrocchia del paese e a una onlus
    technix
  • La precisazione
    Ora anche il Governo chiarisce: si può fare la spesa in un altro Comune
    Spesa
  • Gli aggiornamenti
    Coronavirus, a Bergamo 24 casi in più: in Lombardia 62 decessi in un giorno
    dati contagi 10 maggio
  • Emergenza e lavoro
    Pulizie, vigilanza e ristorazione, a Bergamo 30mila addetti: “Stop appalti al massimo ribasso”
    addette alle pulizie
  • Il sindaco
    “Troppa gente non rispetta le regole”: a Lallio di nuovo chiusi i parchi comunali
    Lallio
  • L'intervento
    Il Covid 19 e quella politica industriale turistica che manca all’Italia
    Bergamo,città alta
  • Bergamo
    Ente Bilaterale Turismo: è Alberto Citerio il nuovo presidente
    alberto citerio enrico betti ente bilaterale turismo
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it