Donati i mobili della Technix: a scuola e parrocchia del paese e a una onlus - BergamoNews
Beneficenza

Donati i mobili della Technix: a scuola e parrocchia del paese e a una onlus

L'azienda di Grassobbio specializzata nella realizzazione di unità mobili per la radiografia e per la fluoroscopia li aveva messi a disposizione per le realtà bisognose del territorio.

Sono bastati pochissimi giorni per destinare gli arredi in eccesso ad alcune realtà bisognose del territorio: l’appello lanciato martedì 5 maggio dalla Technix, azienda di Grassobbio specializzata nella realizzazione di unità mobili per la radiografia e per la fluoroscopia, è arrivato dritto al punto.

Il presidente della società e della Piccola Industria di Confindustria Bergamo Aniello Aliberti aveva spiegato come, in una fase di riorganizzazione interna, ci fossero scrivanie, tavoli e tanti moduli di armadi da una ventina di metri in ottime condizioni che non erano più nei piani aziendali ma che avrebbero potuto fare molto comodo a molti altri.

Un’offerta accolta in particolare “a chilometro zero” dalla parrocchia e dalla scuola dell’infanzia di Grassobbio.

Ma parte degli arredi andrà anche alla Fondazione Conti Calepio, organizzazione no profit che tra i suoi scopi prevede la promozione e la realizzazione di iniziative nell’ambito dell’area dei minori, dell’età evolutiva e del disadattamento; l’area delle vecchie e nuove povertà e l’area dell’handicap fisico, psichico e sensoriale.

leggi anche
  • Fisascat cisl
    La Fase 3 preoccupa il turismo, settore “fragile” che dà lavoro a 32mila addetti
    turisti città alta
  • Il sindaco
    “Troppa gente non rispetta le regole”: a Lallio di nuovo chiusi i parchi comunali
    Lallio
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it