Banda del botto in azione a Dalmine: bancomat esploso e fuga col bottino - BergamoNews
Il colpo

Banda del botto in azione a Dalmine: bancomat esploso e fuga col bottino

È successo intorno all'1.30: i malviventi sono scappati a bordo di un suv

Sono entrati in azione intorno all’1.30 della notte tra venerdì 8 e sabato 9 maggio i malviventi che hanno fatto esplodere lo sportello bancomat del Credito Valtellinese a Sforzatica di Dalmine.

La banda del botto, composta da quattro uomini, è arrivata in via Dante a bordo di un suv bianco ed è entrata nella sede di erogazione dei contanti probabilmente utilizzando una normale tessera, quindi senza forzare la porta scorrevole all’ingresso.

Una volta dentro è stato piazzato l’esplosivo che ha mandato in mille pezzi lo sportello, consegnando ai malviventi i contatti. I malviventi hanno così raccolto il denaro e si sono dati alla fuga, il tutto nel giro di due, tre minuti.

Bancomat Dalmine
Il bancomat di via Dante, completamente distrutto

Quando sul posto, poco dopo, sono arrivati i carabinieri di Dalmine, il Nucleo radiomobile di Treviglio, la Mondialpol Bergamo, la Sorveglianza italiana in servizio di pattuglia comunale della banda non c’era più traccia.

Il bottino non è ancora stato quantificato.

Gli inquirenti sabato mattina hanno rilevato le impronte digitali e visionato i filmati del circuito di sorveglianza per cercare di risalire all’identità dei malviventi.

Bancomat Dalmine
Il bancomat fotografato pochi minuti dopo il colpo, venerdì notte
leggi anche
  • Venerdì
    Dalmine, donna senza vita in casa: arrestato il figlio, l’ipotesi è omicidio
    Dalmine, donna senza vita in casa: arrestato il figlio
  • Le indagini
    Dalmine, raptus omicida in casa: Giovanna Gamba uccisa con 20 coltellate
    Dalmine, donna senza vita in casa: arrestato il figlio
  • Il premio
    Biz Factory, premiata la “valigia virtuale” degli studenti del Marconi di Dalmine
    Biz Factory
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it