Ai primi 150 donatori della Lavs di Brembilla i test sierologici per il plasma iperimmune - BergamoNews
Lo screening

Ai primi 150 donatori della Lavs di Brembilla i test sierologici per il plasma iperimmune

L’iniziativa è rivolta a tutti i donatori associati nell’ambito della produzione di plasma (la parte liquida del sangue per intenderci) volta ad accertare la produzione degli anticorpi specifici tramite un semplice prelievo di sangue

Parte da Brembilla lo screening sierologico, progetto regionale per la produzione di Plasma Iperimmune Covid-19

Sabato 9 maggio sono stati effettuati i primi 150 test sierologici ai donatori di sangue iscritti alla locale Lavs (Libera Associazione Volontari Sangue)

L’iniziativa è rivolta a tutti i donatori associati nell’ambito della produzione di plasma (la parte liquida del sangue per intenderci) volta ad accertare la produzione degli anticorpi specifici tramite un semplice prelievo di sangue fatto a tutti i donatori.

La Lavs Brembilla, associazione dinamica e attiva sul territorio bergamasco per la donazione di sangue e dei suoi derivati, non si è certo tirata indietro rispetto alle richieste del centro trasfusionale dell’ospedale Papa Giovanni di Bergamo che mira, grazie ai donatori periodici, a produrre plasma iperimmune.

Il plasma iperimmune trae la sua origine da un’idea di fine Ottocento: prelevare plasma a persone che abbiano già avuto un contatto con la malattia per poi iniettarlo a pazienti malati,  azione che aiuta a una guarigione più celere e certa.

Dopo il test che indica se i donatori hanno o meno gli anticorpi al Covid-19, il plasma di chi gli anticorpi li ha viene trasfuso ai pazienti.

Proprio lo scienziato e professore Giuseppe Remuzzi, direttore dell’Irccs Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri, definisce questa tecnica “una possibile evoluzione della terapia con il plasma iperimmune”.

Brembilla quindi, con i suoi dinamici donatori e tramite l’associazione Lavs, non manca di guardare il proprio cuore, regalando ancora una speranza a chi è meno fortunato.

leggi anche
  • L'aggiornamento
    Ats Bergamo, 10mila test sierologici entro il 18 maggio: “Ora attendiamo la Regione”
  • La testimonianza
    “Domenica di marzo all’ospedale di Piario: intorno a me la gente continuava a morire”
  • Coronavirus
    Mancano ancora i tamponi: il rischio di contagio nella fase 2
  • Il disagio
    A Torre Boldone riaperta la piattaforma ecologica: lunghe code per entrare
  • A milano
    La Procura indaga sui test sierologici della Regione Lombardia affidati senza gara
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it