Sdoganamento diretto per le mascherine: a Bergamo arrivati oltre 2 milioni di pezzi - BergamoNews
A levate

Sdoganamento diretto per le mascherine: a Bergamo arrivati oltre 2 milioni di pezzi

Come da disposizioni, i dispositivi di protezione individuale beneficiano dello sdoganamento diretto: sono destinate a società esercenti servizi di pubblica utilità.

I funzionari dell’Agenzia Dogane e Monopoli di Bergamo, sede di Levate, in linea con le disposizioni vigenti, hanno effettuato nel corso della giornata di venerdì 8 maggio lo sdoganamento diretto di diverse spedizioni di dispositivi di protezione individuale da Covid-19, per un totale di 2.482.000 mascherine chirurgiche.

I dispositivi, provenienti via aerea dalla Cina, dopo essere atterrati all’aeroporto di Malpensa,
sono stati trasportati, in procedura di transito, nella provincia di Bergamo per l’espletamento
delle pratiche di importazione.

Particolare attenzione è stata posta alla presenza dei requisiti di sicurezza, marchiatura CE, nella fase di controllo, al fine di garantire l’immissione in consumo di prodotti conformi.

Le mascherine sono destinate a diverse società esercenti servizi di pubblica utilità.

leggi anche
  • Dentro l'emergenza
    Covid 19, i pediatri di famiglia: “Il tampone unico modo per abbattere la trasmissione del virus”
  • Comune per comune
    Mascherine: 750mila in arrivo ai comuni bergamaschi, ecco quali
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it