BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Pochi test e mancata zona rossa: ecco i motivi dell’epidemia Covid a Bergamo”

Lo scrivono il direttore dell’Istituto Mario Negri Giuseppe Remuzzi con i medici Stefano Fagiuoli e Luca Lorini in un articolo sul New England Journal of Medicine

Il direttore dell’Istituto Mario Negri Giuseppe Remuzzi con i medici Stefano Fagiuoli e Luca Lorini in un articolo sul New England Journal of Medicine illustrano le possibili cause della larga diffusione di Covid 19 a Bergamo e provincia, puntando il dito contro la mancata zona rossa e i pochi test effettuati sul personale sanitario.

Ecco l’articolo tradotto della prestigiosa rivista americana di medicina:

La Lombardia, e in particolare la provincia di Bergamo, è stata la zona d’Italia più colpita da Covid-19. Al 26 aprile 2020, la provincia aveva 11.113 casi confermati e 2932 morti per Covid-19. Ritardi nel riconoscimento della SARS-CoV-2 nei pochi pazienti infetti ricoverati nel piccolo ospedale di Alzano Lombardo – e ritardi nell’attivazione di misure per proteggere altri pazienti, personale ospedaliero e visitatori, nonché nell’implementazione di adeguate misure di contenimento nei villaggi dei pazienti – hanno permesso al virus di diffondersi rapidamente e nella città di Bergamo. La provincia non è stata chiusa fino all’8 marzo, 2 settimane dopo i primi casi documentati all’ospedale di Alzano il 23 febbraio. Da allora, il virus aveva colpito migliaia di persone, molte delle quali hanno visitato il pronto soccorso dell’Asst-Papa Giovanni XXIII, un ospedale di riferimento per i pazienti bisognosi in tutta la provincia, e sono stati ammessi. Questi pazienti hanno rapidamente sopraffatto le capacità dell’ospedale, costringendo una riorganizzazione principale guidata da un team di crisi istituito il 23 febbraio. L’unità di malattia infettiva è stata riconfigurata per trattare solo i pazienti con Covid-19 e altri pazienti sono stati ridistribuiti in tutto l’ospedale o, quando possibile, dimessi.

Dozzine di pazienti venivano ricoverati ogni giorno e il numero di ricoveri giornalieri aumentava continuamente. Per separare i pazienti con Covid-19 da altri pazienti, è stato necessario creare unità Covid-19 in reparti di medicina e chirurgia interna sia adulti che pediatrici, reparti di terapia intensiva (ICU), l’area di terapia intensiva subintensiva e ED. Il 28 marzo, i pazienti con Covid-19 occuparono 498 dei 779 letti dell’ospedale. Di questi pazienti, 92 sono stati ricoverati in terapia intensiva e 12 nell’area di terapia intensiva subintensiva.

All’inizio dell’epidemia, il 25% dei medici del personale (indipendentemente dalla loro specialità) è stato riassegnato a Covid-19 unità, una cifra che è aumentata progressivamente al 70% nelle settimane successive. L’educazione tra pari sulla gestione di Covid-19 è stata fornita a tutto il personale ospedaliero; più di 1500 persone sono state formate in 1 settimana. L’aumento esponenziale dei casi di insufficienza respiratoria acuta durante le prime 2 settimane ha costretto le ICU a riorganizzarsi, aumentare il loro numero di letti dedicati ai pazienti con Covid-19 (Figura 1) e creare team misti di intensivisti. Entro il 9 marzo, c’erano 49 pazienti in terapia intensiva che avevano bisogno di supporto ventilatorio meccanico. Questo sviluppo ha reso necessario il trasferimento di 14 ventilatori meccanici dalle sale operatorie e 29 ulteriori ventilatori sono stati donati dall’organizzazione sanitaria regionale della Lombardia.

Le decisioni difficili su quali pazienti sarebbero stati assegnati ai ventilatori sono state prese usando un punteggio cumulativo per i pazienti che ha tenuto conto dell’urgenza delle necessità di ciascun paziente e delle possibilità del paziente di beneficiare del trattamento. Anestesisti e intensivisti hanno annullato la maggior parte degli interventi chirurgici opzionali, compresi quasi tutti i trapianti, ad eccezione di un trapianto polmonare eseguito in un paziente gravemente malato (che era stato precedentemente nella lista d’attesa) quando era disponibile un donatore adatto. Due delle 28 sale operatorie sono rimaste aperte senza sosta per urgenti interventi di chirurgia generale e cardiaca, e l’ospedale ha continuato a fornire servizi ambulatoriali non trasferibili. Dei primi 510 pazienti con Covid-19 confermati che sono stati ammessi, il 30% è deceduto. Dopo settimane di lavoro da parte di medici e infermieri, la mortalità ospedaliera totale è passata da una media di 17 a 18 (e un picco di 19) decessi al giorno a 2 decessi al giorno, il che è simile alla media di 2,5 decessi al giorno registrati prima Covid19.

Dall’esperienza di Bergamo possono essere tratte due lezioni principali. Innanzitutto, tutti gli operatori sanitari negli ospedali, nelle case di cura e nella comunità avrebbero dovuto essere testati per Covid-19 e quelli positivi sarebbero stati isolati, anche se erano asintomatici. I medici sono stati inizialmente trascurati durante i tentativi di identificare e isolare le persone infette, che si concentravano su pazienti malati. Per questo motivo, e poiché i dispositivi di protezione individuale completi non sono stati resi immediatamente disponibili, in particolare ai medici di famiglia, sono morti 19 medici della provincia di Bergamo (tutti di età compresa tra 62 e 74 anni). Erano tutti coinvolti nella cura dei pazienti con Covid-19, anche se nessuno ha lavorato all’Asst-Papa Giovanni XXIII. La seconda lezione, ancora più importante, è che un contenimento urgente e decisivo a livello regionale avrebbe dovuto essere attuato per contenere l’epidemia. Questo passaggio avrebbe potuto ridurre il numero di casi Covid-19, impedire che gli ospedali fossero sopraffatti e potenzialmente limitare il numero di decessi nella provincia.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.