Quantcast
Gli invisibili del Covid: mense scolastiche, in mille senza stipendio - BergamoNews
La denuncia della fisascat

Gli invisibili del Covid: mense scolastiche, in mille senza stipendio

“E per settembre, solo preoccupazioni, servono misure di sostegno"

Sono più di mille, e sono tra gli invisibili dell’emergenza occupazionale successiva al Coronavirus. Sono i lavoratori e le lavoratrici (la maggioranza) delle mense scolastiche, dallo scorso febbraio lasciate senza lavoro e senza stipendio, da allora in attesa del FIS, il Fondo d’integrazione salariale.

“Sono lavoratrici già contrattualmente deboli in partenza – racconta Luca Bottani di Fisascat Cisl Bergamo: quasi tutte vengono sospese dal lavoro a fine anno scolastico o per le chiusure festive e riassunte alla ripartenza. Tanti addetti al servizio mensa hanno contratti verticali da 15 ore settimanali, per soli nove mesi l’anno. Oggi, i ritardi nell’erogazione del sostegno al reddito previsto per la categoria e di competenza dell’Inps stanno lasciando molte famiglie sul lastrico”.

Adesso, inoltre, inizia a farsi forte la preoccupazione per quanto accadrà a settembre.

“L’ingresso a scuola scaglionato e contingentato, come ipotizzato dal Ministero, comporterà giocoforza ricadute negative anche sul servizio mensa e sul numero di addetti necessario, e di conseguenza anche sulle aziende, molte delle quali con sede sul territorio bergamasco. I redditi che percepiscono soprattutto le lavoratrici sono molto bassi. Il FIS non prevede la maturazione dei ratei di tredicesima e quattordicesima. Questo non permette alle lavoratrici di crearsi quel piccolo ‘salvadanaio’ per sopravvivere anche nei mesi estivi in cui non si percepisce lo stipendio”.

“Crediamo – conclude Claudia Belotti di Fisascat Cisl di Bergamo – che debbano essere individuate ad ogni livello forme di sostegno specifico sia per i lavoratori che per le aziende che vivono prevalentemente dell’attività di questo settore”.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
leggi anche
parrucchiere
Fase 2?
Parrucchieri ed estetiste: “Possiamo lavorare in sicurezza e dobbiamo riaprire”
take away Photo by Tamara Bellis on Unsplash
Bergamo
Bar e ristoranti: nuovo ossigeno dal take away, ma solo il 25% ha deciso di riaprire
turismo
Il pacchetto
Imprese del turismo in affanno per il Covid, 2 miliardi da Intesa Sanpaolo
Campionati italiani giovanili di ciclismo su pista_ 1/8
Fase 2
Coronavirus, via libera in Lombardia a sport individuali in centri all’aria aperta dall’8 al 17 maggio
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI