La pandemia

Coronavirus, “i medici russi lasciano l’Italia”: l’aiuto alla Fiera di Bergamo e nelle Rsa fotogallery

L'annuncio del ministro della Difesa Serghej Shojgu: da fine marzo hanno prestato assistenza nelle regioni più colpite del Nord Italia

A partire da giovedì rientreranno in Russia i medici che dalla fine di marzo hanno prestato assistenza nelle regioni del Nord Italia più colpite dal coronavirus, in particolare nelle province di Bergamo e Brescia.

Lo ha annunciato il ministro della Difesa Serghej Shojgu, citato dall’agenzia di stampa Interfax. La missione è completata, “domani inizieremo a ritirare le unità militari dall’Italia”, ha riferito durante una conference call.

I medici russi impegnati nella missione umanitaria “Dalla Russia con Amore”, tra le altre cose, hanno dato un prezioo aiuto all’ospedale da campo allestito alla Fiera di Bergamo e sanificato molte case di riposo sparse per la provincia.

Il saluto

Giovedì 7 maggio, a Bergamo, gli assessori regionali Claudia Maria Terzi (Infrastrutture, Trasporti e Mobilità sostenibile), Lara Magoni (Turismo, Marketing Territoriale e Moda), Pietro Foroni (Territorio e Protezione Civile) e il sottosegretario alla Presidenza con delega ai Rapporti con le Delegazioni Internazionali Alan Christian Rizzi parteciperanno al momento di saluto al contingente russo che ha prestato il suo aiuto durante l’emergenza Covid-19 in Lombardia. Da parte della Federazione Russa, saranno presenti i dirigenti del contingente russo e il Console Generale Alexander Nurizade.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
leggi anche
L'arrivo dei medici russi a Bergamo
Nella notte
Coronavirus, arrivati a Bergamo 35 medici russi per l’ospedale da campo
russi alzano coronavirus
Venerdì mattina
Squadre speciali russe ad Alzano: “Sanificano la casa di riposo”
Tamponi Covid
Ats bergamo
Coronavirus, oltre 10mila tamponi in Rsa e residenze per disabili: ecco i primi risultati
Albero Natale Fiera
Il caso fiera
Assemblea Promoberg: per ora, nessun ricorso al Tar
russi a Bergamo
Il dubbio
Russi a Bergamo a inizio Covid, Gregorio Fontana: “Fare luce sulla fornitura di ventilatori difettosi”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI