Quantcast
Bergamo, promozione per il vicequestore Giobbi: dal caso Yara alle vicende ultras - BergamoNews
Il vicario

Bergamo, promozione per il vicequestore Giobbi: dal caso Yara alle vicende ultras

Era arrivato nel giugno 2017 ma in precedenza aveva già avuto occasione di collaborare all'arresto di Massimo Bossetti.

Il vicario del questore di Bergamo Fabio Edgardo Giobbi è stato promosso a Dirigente Superiore: la notizia è emersa durante la seduta del Consigli di Amministrazione per il personale della Polizia di Stato di mercoledì 6 maggio.

Cinquantacinque anni, romano, Giobbi era arrivato a Bergamo nel giugno 2017 come vice dell’allora numero uno di via Noli Girolamo Fabiano.

Nella sua lunga carriera in polizia ha ricoperto incarichi prestigiosi, tra cui quello di investigatore nello SCO (il Servizio Centrale Operativo) attraverso il quale ha avuto la possibilità di collaborare nelle indagini per il delitto di Yara Gambirasio.

In tre anni di attività, il vicario del Questore si è occupato principalmente della tematica ultras, in particolare negli ultimi tempi la vicenda legata agli scontri di Firenze durante la semifinale di Coppa Italia della passata stagione.

Il questore Maurizio Auriemma, a nome proprio, dei funzionari e del personale della Questura, esprime al dottor Giobbi le più vive congratulazioni per l’importante traguardo raggiunto.

Più informazioni
leggi anche
Generico maggio 2020
Questura di bergamo
Delia Bucarelli nominata primo dirigente della Polizia di Stato a Bergamo
vicequestore Addato
Polizia
Il vicequestore Addato lascia Bergamo: “16 anni tra gli ultrà, sempre buoni rapporti”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it