Alzano, il diario della Rsa tra video e foto-racconti: il primo saluto ai parenti dal balcone - BergamoNews
Coronavirus

Alzano, il diario della Rsa tra video e foto-racconti: il primo saluto ai parenti dal balcone fotogallery

Con la riapertura del parco Montecchio i primi incontri a distanza fra gli ospiti e i loro cari. La quotidianità nella Fondazione Martino Zanchi vista dai social

La signora Adele è a letto quando riceve la visita a sopresa degli operatori. Uno ha con sé una torta e un grande bouquet di calle bianche. “Sei contenta?” le chiedono. “Sono senza parole – risponde – mi avete commossa”. È il suo compleanno, esprime un desiderio e soffia sulla candelina.

Altri due operatori si improvvisano postini: a Terry portano un videomessaggio dei familiari, a Elsa una lettera. In sottofondo c’è “Love’s Theme” di Barry White, sigla del celebre programma tv ‘C’è Posta per Te’. Un’altra infermiera – bardata con camice, visiera e mascherina – canta ‘Azzurro’ con la signora Anna. “Come a Sanremo – dice lei – anche se l’ó mai ést”, non l’ha mai visto.

Di video simili, sulla pagina Facebook della Rsa Fondazione Martino Zanchi di Alzano, ce ne sono parecchi. Come le fotografie che ritraggono la quotidianità degli ospiti, tra tombolate e ginnastica con i fisioterapisti.

L’obiettivo è chiaro, ma tutt’altro che scontato da raggiungere: strappare un sorriso agli anziani e ai loro parenti, assicurando l’unico contatto visivo possibile, quello virtuale. “Da quando è cominciata l’emergenza la nostra pagina Facebook è quotidianamente aggiornata – spiega la responsabile Maria Giulia Madaschi -. È diventata il nostro veicolo di comunicazione con l’esterno”.

La direzione ha anche attivato un account Skype e un numero WhatsApp per le videochiamate con amici e parenti: i messaggi vengono letti dal lunedì al venerdì e le chiamate sono effettuate dopo le 16, sempre nei giorni infrasettimanali.

Tutti modi più o meno originali per colmare la lontananza dai cari. Del resto, le conseguenze dell’emergenza sul territorio di Alzano sono note. Nella Rsa il virus si è portato via 21 dei 98 ospiti, questo nonostante l’immediata chiusura della struttura abbia permesso di limitare i danni. Cosa che non è successa nel vicino ospedale, sulla cui gestione la Procura ha aperto un’inchiesta. “Venti decessi li abbiamo avuti nel solo mese di marzo – osserva Madaschi – l’ultimo risale al primo aprile”.

Con l’inizio della Fase 2 il sindaco Camillo Bertocchi ha deciso la riapertura del parco Montecchio. La Rsa si trova al suo interno e lunedì sono cominciate le prime visite a distanza: “Quelle ‘balconate’ – così le chiama la responsabile – e quelle dalle vetrate al piano terra”, a seconda della collocazione degli ospiti. “Tutte visite organizzate, scaglionate su turni di un quarto d’ora”, precisano dalla Rsa. Un’altra occasione per essere più vicini, ma a distanza di sicurezza. In attesa di giorni migliori.

saluto a distanza
Le 'visite' in Rsa al tempo del virus: il saluto a distanza dal balcone
leggi anche
  • Le analisi
    Coronavirus, ecco il test rapido salivare di Insubria: “Presto in produzione”
    test rapido
  • La proposta
    Gallone (FI): “Giochi olimpici 2026 da estendere alle valli bergamasche”
    Gallone olimpiadi
  • Ats bergamo
    Coronavirus, oltre 10mila tamponi in Rsa e residenze per disabili: ecco i primi risultati
    Tamponi Covid
  • Alzano lombardo
    Alluvione valle della Nesa, il sindaco: “Come se non bastassero le difficoltà che stiamo vivendo”
    alzano lombardo
  • Coronavirus
    Morti nelle Rsa bergamasche, esposto della Cgil: “Si accertino le responsabilità”
    Militari italiani e russi sanificano l'Rsa di Cologno al Serio
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it