L'aeroporto di Bergamo riaperto ai voli passeggeri - BergamoNews
Con effetto immediato

L’aeroporto di Bergamo riaperto ai voli passeggeri

Lo ha disposto la ministra ai trasporti Paola De Micheli

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Paola De Micheli, ha disposto con effetto immediato la riapertura dell’Aeroporto di Bergamo ai voli passeggeri.

A seguito del Decreto 112 del 12 marzo del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, l’Aeroporto di Bergamo è rimasto aperto H24 al traffico garantendo i movimenti relativi ai voli sanitari, di emergenza e quelli di Stato, in aggiunta alla componente delle merci aeree e ai voli di posizionamento, con l’assistenza del personale della società di gestione SACBO e BIS (BGY International Services) e il supporto della torre di controllo e degli Enti di Stato.

Si precisa che l’aerostazione è interdetta al pubblico, sarà aperta solo in concomitanza con la riattivazione dei voli e l’accesso sarà soggetto a limitazioni, nel rispetto delle normative vigenti sui controlli e sul distanziamento sociale.

Proprio qualche ora fa erano usciti dati davvero penalizzanti degli ultimi mesi per lo scalo bergamasco di Orio al Serio (leggi)

leggi anche
  • I numeri
    Trasporto aereo affossato dal Covid: a Orio a marzo solo 100 mila passeggeri, -90%
    Arrivano altri medici all'aeroporto di Orio
  • Emergenza coronavirus
    Nuovo contingente di infermieri arriva all’aeroporto di Bergamo con l’Aeronautica Militare Italiana
    contingente infermieri
  • Grande preoccupazione
    Aeroporto Bergamo: 400 voli cancellati da Ryanair; Wizzair e Pegasus sospendono tutti i voli
    aeroporto orio caravaggio
  • Aeroporto
    Giovanni Sanga nominato presidente di Sacbo
    Giovanni Sanga
  • Mercoledì mattina
    Aereo sfreccia nei cieli di Bergamo: controlli per la sicurezza in volo
    aereo controlli enav
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it