Guanti e mascherine abbandonati: l'inciviltà ai tempi del virus colpisce anche Bergamo - BergamoNews
Le segnalazioni

Guanti e mascherine abbandonati: l’inciviltà ai tempi del virus colpisce anche Bergamo

Fuori dagli ospedali, dai supermercati, ma anche banalmente per strada

Guanti e mascherine gettati a terra: fuori dagli ospedali, dai supermercati, per strada. L'”inciviltà da coronavirus” – se così la si può definire – colpisce anche Bergamo, dove in tanti segnalano la presenza di dispositivi di protezione buttati per terra dopo l’utilizzo.

L’ospedale Papa Giovanni, qualche settimana fa, in un post sui social invitatava gentilmente a non usare le aiuole ma i cestini per liberarsi di guanti e mascherine. Di “stupidità” parla invece il sindaco di Zanica Luigi Locatelli, che ha postato sul suo profilo Facebook le foto dell’abbandono indiscriminato di guanti. Sempre sui social, un’utente ha immortalato la situazione all’uscita di un supermercato nell’hinterland bergamasco. Le immagini parlano da sole.

La foto postata sui social da un'utente
leggi anche
  • Da lunedì 4 maggio
    Fase 2: congiunti, passeggiate, acquisti, lavoro… le ultime risposte ai dubbi più frequenti
    controlli polizia
  • Lo sguardo di beppe
    Chiese chiuse, il disappunto della Cei, il buonsenso del Papa
    chiesa del cimitero di bergamo
  • Droga e dipendenze
    “Mascherine fai da te e crisi di panico”: la comunità di recupero ai tempi del Covid
    Generico aprile 2020
  • Covid 19 - fase 2
    Il Prefetto Ricci: “Da lunedì più controlli, invito tutti a comportamenti consapevoli e responsabili”
    controlli
  • Coronavirus, il punto della regione
    A Bergamo 59 casi in più nel giro di 24 ore: “In arrivo altre 368mila mascherine”
    dati Regione contagi
  • Guarda il video
    Bergamo, Gori alla vigilia della Fase 2: “Ecco come muoversi in città”
    Gori
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it