• Abbonati

Lettere

La denuncia

“La mia azienda mi impedisce di tornare al lavoro perchè sono un volontario del 118”

Una storia incredibile quella raccontata da un nostro lettore: "Discriminato chi con il suo impegno sta cercando di contribuire ad aiutare gli operatori sanitari in questa drammatica situazione".

Il normale rientro al lavoro gli è stato negato per via della sua attività di volontariato: è una storia incredibile e assurda al tempo stesso quella raccontata da Alberto Togni, un soccorritore del 118 di Bergamo.

“Dal giorno del lockdown la mia azienda si è fermata perché non rientrava nei codici ATECO come necessaria – spiega -. Da allora ho continuato a svolgere in maniera più attiva servizio in ambulanza data la situazione emergenziale e il tempo libero che avevo in più.

Dal 27 aprile la mia azienda ha avuto l’autorizzazione prefettizia per la riapertura anticipata a regime ridotto e, come previsto dalle normative vigenti in materia COVID-19, è stato attuato un protocollo di sicurezza dove sono elencate procedure e regole da rispettare per evitare il possibile contagio.

Tale protocollo prevede di firmare una autocertificazione dove il dipendente attesta di non aver avuto stretti contatti con persone affette da COVID-19 negli ultimi 15 giorni.

Cosa a me impossibile per via del servizio che svolgo.

Segnalata l’incongruenza, vengo ricontattato e mi viene detto che forse è meglio aspettare un attimo nonostante io non mostri sintomi dell’infezione.

La mancata compilazione dell’autocertificazione o l’indicazione di essere entrati in contatto con pazienti positivi impedisce ai volontari di poter tornare a svolgere la loro quotidiana attività lavorativa.

Tutti noi abbiamo operato e stiamo operando nel pieno rispetto delle norme e protocolli di sicurezza, utilizzando adeguati dispositivi di protezione (molto spesso donati da Angeli benefattori) per evitare il contagio attivo e passivo del virus.

IL D.L. 9 marzo 2020 n.14 all’art. 7 Sorveglianza sanitaria recita ‘1. La disposizione di cui all’art.1, comma 2, lettera h), del decreto-legge 23 febbraio 2020, n 6, non si applica agli operatori sanitari e a quelli dei servizi pubblici essenziali che vengono sottoposti a sorveglianza. I medesimi operatori sospendono l’attività nel caso di sintomatologia o esito positivo per COVID-19′.

Ritengo tale prassi da parte dei datori di lavoro discutibile e totalmente illegittima, in quanto l’attività di volontariato non è stata limitata o impedita dalle norme emergenziali adottate.

La ritengo dunque discriminatoria verso soggetti che, con il loro impegno, stanno cercando di contribuire ad aiutare gli operatori sanitari in questa difficile e drammatica situazione”.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Abbonati!
leggi anche
Lovere piazza XIII martiri illuminata Coronavirus (foto Alfredo Stella)
Omaggio alle vittime del covid
Lovere, la piazza Tredici Martiri si illumina coi colori della bandiera
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI