BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“La mia azienda mi impedisce di tornare al lavoro perchè sono un volontario del 118”

Una storia incredibile quella raccontata da un nostro lettore: "Discriminato chi con il suo impegno sta cercando di contribuire ad aiutare gli operatori sanitari in questa drammatica situazione".

Il normale rientro al lavoro gli è stato negato per via della sua attività di volontariato: è una storia incredibile e assurda al tempo stesso quella raccontata da Alberto Togni, un soccorritore del 118 di Bergamo.

“Dal giorno del lockdown la mia azienda si è fermata perché non rientrava nei codici ATECO come necessaria – spiega -. Da allora ho continuato a svolgere in maniera più attiva servizio in ambulanza data la situazione emergenziale e il tempo libero che avevo in più.

Dal 27 aprile la mia azienda ha avuto l’autorizzazione prefettizia per la riapertura anticipata a regime ridotto e, come previsto dalle normative vigenti in materia COVID-19, è stato attuato un protocollo di sicurezza dove sono elencate procedure e regole da rispettare per evitare il possibile contagio.

Tale protocollo prevede di firmare una autocertificazione dove il dipendente attesta di non aver avuto stretti contatti con persone affette da COVID-19 negli ultimi 15 giorni.

Cosa a me impossibile per via del servizio che svolgo.

Segnalata l’incongruenza, vengo ricontattato e mi viene detto che forse è meglio aspettare un attimo nonostante io non mostri sintomi dell’infezione.

La mancata compilazione dell’autocertificazione o l’indicazione di essere entrati in contatto con pazienti positivi impedisce ai volontari di poter tornare a svolgere la loro quotidiana attività lavorativa.

Tutti noi abbiamo operato e stiamo operando nel pieno rispetto delle norme e protocolli di sicurezza, utilizzando adeguati dispositivi di protezione (molto spesso donati da Angeli benefattori) per evitare il contagio attivo e passivo del virus.

IL D.L. 9 marzo 2020 n.14 all’art. 7 Sorveglianza sanitaria recita ‘1. La disposizione di cui all’art.1, comma 2, lettera h), del decreto-legge 23 febbraio 2020, n 6, non si applica agli operatori sanitari e a quelli dei servizi pubblici essenziali che vengono sottoposti a sorveglianza. I medesimi operatori sospendono l’attività nel caso di sintomatologia o esito positivo per COVID-19′.

Ritengo tale prassi da parte dei datori di lavoro discutibile e totalmente illegittima, in quanto l’attività di volontariato non è stata limitata o impedita dalle norme emergenziali adottate.

La ritengo dunque discriminatoria verso soggetti che, con il loro impegno, stanno cercando di contribuire ad aiutare gli operatori sanitari in questa difficile e drammatica situazione”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Pluto

    Mi pare ovvia la sospensione visto che essendo stato a contatto con sicuri o potenziali infetti hai l’obbligo della quarantena. Visto che tampone o analisi sierologica NON garantiscono nulla di sicuro.