BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ferrara, Fidelitas: “Termocamere e braccialetti per le distanze nelle aziende” foto

L'azienda bergamasca ha rimodulato la propria attività, supportando con personale e tecnologia avanzata le imprese pronte a ripartire nelle massime condizioni di sicurezza.

Più informazioni su

Al fianco dell’Italia che vuole ripartire e affrontare al meglio la Fase 2 dell’emergenza Coronavirus, con tecnologie avanzate capaci di velocizzare e semplificare al massimo le procedure di controllo e la messa in sicurezza dei luoghi di lavoro.

Dall’inizio della situazione emergenziale che sta affrontando il nostro Paese, e il Nord Italia in particolare, il Gruppo Fidelitas è sceso in campo per offrire alcuni servizi necessari ad industrie, aziende, Enti, attività commerciali e liberi professionisti per svolgere la propria attività nel pieno rispetto dei Decreti del Presidente del Consiglio e delle ordinanze delle Autorità competenti.

La prima a dover fare i conti con l’emergenza, nonostante la vigilanza privata rientri nelle categorie dei servizi essenziali sempre attivi , è stata la stessa Fidelitas: “L’attività di gestione del contante ha subito infatti un crollo verticale, visto che l’uso del denaro fisico ha avuto una contrazione del 70% in questi due mesi – spiega il vicepresidente Fidelitas Luigi FerraraE si può ben comprendere l’impatto che tale dato possa aver avuto sulla nostra attività, che é suddivisa al 50% tra trasporto e lavorazione del contante da una parte e servizi di vigilanza armata e fiduciari non armati dall’altra”.

Ma il gruppo bergamasco, che conta ricavi consolidati per oltre 110 milioni all’anno, 16 filiali tra Nord e centro Italia, dove ne ha una importante a Roma, al di là di questo marcato fattore di criticità, ha saputo rimodulare la propria attività sui bisogni che la crisi sanitaria ha generato, confermando il suo ruolo di partner professionale al sevizio di industrie, imprese e attività di servizio e commerciali e privati cittadini .

“Il gruppo Fidelitas – continua Ferrara -, è rimasto sempre in attività, giorno e notte, adottando costantemente le varie disposizioni emanate dal Governo, dalle autorità sanitarie e dalle Regioni in cui opera. Già nella seconda metà di febbraio avevamo prontamente costituito un Comitato di crisi Covid, presieduto e coordinato direttamente da Francesco Gamba, consigliere delegato e titolare della licenza di Polizia. Abbiamo sempre seguito con cura e attenzione tutti i protocolli sanitari e organizzativi e ora, per ogni modifica che si rende necessaria, possiamo subito intervenire con le integrazioni che introduciamo in un modello organizzativo già rodato e funzionante”.

“Ma nelle prime fasi – continua – ci siamo trovati a dover fare i conti con tante difficoltà, a partire dal reperimento delle mascherine indispensabili per quella quota significativa di nostro personale che doveva utilizzarle perché esposto al rischio contagio. Lo scenario di emergenza ha dunque richiesto un rapido ripensamento dei nostri processi e del nostro sistema organizzativo, obbligandoci a compiere grandi sforzi per adottare un modello affidabile anche in emergenza e per reperire tutti quei dispositivi indispensabili alla tutela della salute dei nostri lavoratori”.

L’esperienza maturata è stata dunque fondamentale per poter offrire le migliori soluzioni scelte prima per l’azienda stessa e poi rese disponibili per i clienti per gestire l’emergenza in ogni sua fase e soprattutto ora, in corrispondenza dell’inizio della Fase 2: “Innanzitutto abbiamo selezionato e validato per tutte le nostre sedi sistemi professionali di rilevazione della temperatura corporea – illustra Ferrara – Già il nostro dispositivo standard é davvero di ottimo livello: all’ingresso di un luogo di lavoro o di accesso al pubblico, viene posizionato un tablet, sostenuto da un supporto da terra o da banco, in grado di misurare la temperatura con un indice di errore di 0.3 gradi a un metro di distanza e di riconoscere se la persona indossa o meno la mascherina. Un sistema che può essere installato facilmente e che può anche essere integrato: ad esempio, può essere collegato all’apertura automatica delle porte di ingresso di aziende e uffici, consentendo o negando l’accesso qualora non ne sussistano le necessarie condizioni di sicurezza”.

Le soluzioni, però, sono molte e prendono in prestito anche tecnologie nate in ambito militare oggi impiegabili a uso civile: “Stiamo proponendo proprio in questi giorni l’integrazione dei nostri servizi con un sistema di controllo del distanziamento sociale tramite braccialetti, che consentono di avvisare in tempo reale chi li indossa, con una vibrazione e una luce led, se la distanza da un’altra persona non rispetta quella minima di sicurezza. Questo dispositivo può essere utilmente impiegato in fabbriche, imprese di servizi, centri direzionali e commerciali, ma anche nei musei e comunque in qualsiasi luogo dove il flusso o la presenza di persone possa incrementare Il rischio di violare le distanze sociali prescritte”.

Braccialetti Fidelitas

Tornando alla misurazione della temperatura, sono disponibili anche sistemi più complessi e sofisticati che permettono di rilevare la temperatura contemporaneamente a gruppi di persone (fino a 16 e a 10 metri di distanza) grazie a speciali termocamere, portatili o fisse, collegate ai pc del personale addetto alle reception, consentendo ingressi più veloci: per chi ne avesse la necessità, è possibile installare anche software di analisi video che permettono di tenere costantemente sotto osservazione le distanze sociali, funzione questa particolarmente utile, ad esempio, nella gestione delle code.

“Tutto – aggiunge Ferrara – può essere gestito dal nostro personale specializzato, già formato e abilitato per controllare gli ingressi e ora per misurare anche la temperatura. Ma il cliente è libero di avvalersi dei servizi svolti da nostro personale con o senza le nostre tecnologie, che potrà anche solo acquistare o noleggiare, in forma disgiunta o a pacchetto”.

Al personale, per il quale da un mese è attiva una copertura assicurativa contro il Covid, va anche un ringraziamento particolare: “Mi permetto di fare menzione con orgoglio delle donne e degli uomini del gruppo Fidelitas che hanno dimostrato abnegazione e professionalità, garantendo tutti i servizi pur in una situazione di emergenza così grave”.

Il tema, ovviamente, fa molta presa su un territorio fortemente colpito dalla diffusione della pandemia e le richieste da parte delle aziende non sono mancate: “Chi è stato costretto a rimanere chiuso – spiega Ferrara – ci ha chiesto un rafforzamento del servizio di vigilanza sulle proprietà e sul patrimonio aziendale mentre dall’altro lato chi ha continuato a lavorare si è appoggiato a noi per tutti questi sistemi di controllo e gestione degli accessi. In molte imprese stiamo garantendo la sicurezza degli accessi e la rilevazione della temperatura, contingentando le code agli ingressi: lo stiamo facendo anche per una importante catena nazionale di supermercati, nota per l’eccellenza assoluta dei prodotti e del servizio e che anche in questa situazione ha voluto e saputo distinguersi ulteriormente investendo in elevati standard di sicurezza per la salute di clienti e dipendenti. L’interesse verso i nostri servizi c’è sempre stato, sia nella fase del picco emergenziale che ora, tra quegli imprenditori, oggi alle prese con la FASE 2, che vogliono adottare procedure e protocolli rigorosi e rigidi per garantire la tutela della salute dei lavoratori, la sicurezza del patrimonio aziendale, salvaguardando il valore fondamentale, economico e sociale, dell’impresa che guidano”.

È così, ripensando e rafforzando determinati servizi, che il mondo delle imprese orobiche sta affrontando una crisi che da sanitaria ha intaccato presto anche gli interessi economici: col suo personale, la sua esperienza e le sue tecnologie, ora, il Gruppo Fidelitas, controllato dalla Franco Gnutti Holding, vuole supportare le aziende del territorio a vincere anche questa sfida .

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.