Bergamo

Don Maffioletti: “Non spingo per riaprire le chiese, fare comunità non è solo eucarestia”

Cosa ha fatto lui a Longuelo, il quartiere dove è parroco? "Ho chiesto alle famiglie di fare il pane insieme e dare così il senso della domenica, tra i propri cari".

Don Massimo Maffioletti è vicario della città di Bergamo.

Nel giorno in cui la Conferenza episcopale italiana (Cei) si arrabbia col governo Conte sulla mancata apertura delle chiese nella prossima fase 2 e mentre L’Avvenire parla di “ferita incomprensibile e ingiustificata”, lui a Rainews 24 annuncia di essere di diverso parere. “Io non spingo per riaprire subito le chiese” dice.

E spiega perché. “Non c’è soltanto l’eucarestia come momento per trovarci insieme, per fare comunità”.

Infatti cosa ha fatto lui a Longuelo, il quartiere dove è parroco? “Ho chiesto alle famiglie di essere nelle loro case delle piccole chiese. Ai genitori di fare il pane insieme e dare così il senso della domenica, tra i propri cari”.

In questa “fase di deserto – commenta poi – sono uscite cose preziose che niente e nessuno può toglierci. Cosa? Avevamo di prezioso la parola, avevamo le piccole comunità che sono le famiglie: ecco, ora vanno valorizzate”.

“Arriverà – conclude – il tempo per tornare a celebrare tutti insieme”

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
leggi anche
Gori
Il sindaco
Gori: vi spiego la fase 2. Ma a Bergamo restano vietate lotterie e gioco d’azzardo
salute
L'intervista
Il lutto ai tempi del Coronavirus, la psicologa: “Ecco come si può elaborare”
Silvia Grattieri, Portogallo
La testimonianza
Silvia, bergamasca in Portogallo: “Così è diventato un modello nella lotta al virus”
psicologo
Il servizio
Coronavirus: 1.700 telefonate allo psicologo, supporto al via anche per le scuole
messa a vuota
Covid 19 e la chiesa
“Quelle accuse della Cei al Governo Conte che non condividiamo”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI