BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Laura Bossetti scrive al fratello Massimo in carcere: “Mi manchi ma sei nel mio cuore”

"Il ricordo più straziante è quando due anni fa è venuto a dare l'ultimo saluto alla mamma in ospedale"

“Non vedo e non sento mio fratello da due anni, da quando è morta nostra mamma. Il 29 aprile saranno due anni esatti”. Laura Letizia Bossetti ha scritto una lettera al gemello Massimo Giuseppe, dopo la sua missiva in cui raccontava della paura del coronavirus dietro le sbarre.

Parte del contenuto è stato svelato dalla trasmissione “Iceberg Lombardia” in onda giovedì sera su Telelombardia e condotta da Marco Oliva.

Il ricordo che porto dentro di mio fratello? Ce ne sono tantissimi, ma quello più straziante è quando è venuto a dare l’ultimo saluto alla mamma in ospedale. In quell’occasione ci siamo fatti forza l’un con l’altro, ci siamo abbracciati ed è stato un pianto unico.

Ha mai pensato di contattare in qualche modo la famiglia Gambirasio? È tanta la voglia perché è tanta, c’è sempre stata. Ma io rispetto tanto la famiglia Gambirasio, rispetto la perdita che hanno avuto. Mi dispiace tantissimo per la piccola Yara che è sempre nel mio cuore. Ne verremo a capo.

Voglio che mio fratello sappia che noi tutti fuori stiamo bene e lo portiamo sempre nella testa e nel cuore. E voglio che questa lontananza è come se fosse una vicinanza. Perché lui so che ci porta nel cuore e nella testa. Deve essere forte lui questo deve saperlo, la famiglia c’è e gli vuole bene. E sa che abbiamo sempre creduto in lui, sempre. Questo ti dico Massimo: non mollare sei forte, sei un guerriero.

Caro Massimo ti voglio molto bene, abbiamo passato momenti duri, tu in primis. Sappi che nel tuo cuore la famiglia c’è. A me manca tanto, io ho bisogno di lui e lui ha bisogno di me. Non vedo l’ora di rivederti perché tu lo sai quanto io ho bisogno di vederti e tu altrettanto.

La famiglia è unita, la famiglia ti crede. Vai avanti, non sei solo. Piano, piano. Sarà ancora un percorso diciamo lungo ma ce la faremo. E dopo ci riabbracceremo, sono sicura e sono convinta che sarà così.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da gigiunio

    non hai vergogna??? massimo, colpevole di un delitto assurdo, ti manca tanto, e pensi che yara, innocente, non manchi ai suoi genitori? fatti un esame di coscienza prima di parlare!!!