Il calendario in ordine alfabetico per il ritiro delle pensioni di maggio - BergamoNews
Inps

Il calendario in ordine alfabetico per il ritiro delle pensioni di maggio

L’anticipo del pagamento delle pensioni è stato stabilito per i mesi di aprile, maggio e giugno da un’Ordinanza della Presidenza del Consiglio dei Ministri

Anche per il mese di maggio il pagamento presso gli sportelli postali dei trattamenti pensionistici, degli assegni, delle pensioni e delle indennità di accompagnamento erogate agli invalidi civili sarà anticipato rispetto alle normali scadenze e verrà distribuito su più giorni.

L’anticipo del pagamento delle pensioni è stato stabilito per i mesi di aprile, maggio e giugno da un’Ordinanza della Presidenza del Consiglio dei Ministri, emanata il 19 marzo scorso allo scopo di consentire a tutti i titolari delle prestazioni di recarsi presso gli uffici postali in piena sicurezza, nel rispetto delle misure di contenimento della diffusione del virus COVID-19.

Il pagamento avverrà secondo il seguente calendario:

• 27 aprile, i cognomi dalla A alla B;
• 28 aprile, i cognomi dalla C alla D;
• 29 aprile, i cognomi dalla E alla K;
• 30 aprile, i cognomi dalla L alla P;
• 2 maggio (solo mattina), i cognomi dalla Q alla Z.

leggi anche
  • Caso yara
    Laura Bossetti scrive al fratello Massimo in carcere: “Mi manchi ma sei nel mio cuore”
    Laura Bossetti
  • I dati
    In due giorni effettuati 534 test sierologici tra Alzano e Nembro
    Test sierologici al via in Valseriana
  • 75esimo
    Il Presidente Mattarella: “Il 25 Aprile è la nostra forza, ci rialzeremo come allora”
    Sergio Mattarella
  • A carona
    L’assessore sconfigge il Covid e scrive a Mattarella: “Questi infermieri meritano il contratto”
    angelo bagini assessore carona coronavirus
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it