Quantcast
"Un piano per la mobilità post-Covid": le proposte dei ciclisti bergamaschi - BergamoNews
L'associazione fiab pedalopolis

“Un piano per la mobilità post-Covid”: le proposte dei ciclisti bergamaschi

"Le difficoltà economiche porteranno più persone a passare all’uso della bicicletta in alternativa all’auto. Chi fa questa scelta virtuosa per se e la collettività deve essere agevolato"

Ripartire vuol dire, letteralmente, rimettersi in movimento. “Decidere e capire come ci muoveremo nei prossimi mesi è essenziale per una ripartenza sana e in sicurezza – sostengono gli esponenti di Fiab Bergamo-Pedalopolis, l’associazione dei ciclisti bergamaschi che dal 2008 promuove la conoscenza e la pratica della bicicletta -. Il rischio di ritrovarsi con le strade invase dalle automobili in modo caotico e tossico è troppo pericoloso sia per Bergamo che per tutti i paesi e le città del circondario e della provincia. A maggior ragione, se verranno confermati gli studi che indicano una correlazione tra livelli di inquinamento atmosferico, con relative patologie respiratorie, e pericolosità del virus, sarebbe insensato rischiare di tornare (o persino superare) ai livelli di inquinanti pre-emergenza”.

Da sempre, come ciclisti, rivendicano maggiore spazio nelle strade. “Ora ad aver bisogno di spazio nelle strade non saremo solo noi. Avranno bisogno di spazio i negozi e gli uffici per gestire le code e le affluenze, avranno bisogno di spazio i bar e i ristoranti per poter ampliare l’area di somministrazione e per poter distanziare tavoli e clienti, avranno bisogno di spazio le scuole e i servizi, per garantire in sicurezza gli ingressi e le uscite”.

Per ottenere spazio in città “l’unica soluzione – sostengono – è limitare la presenza delle auto sia in movimento che, soprattutto, in sosta. I parcheggi in strada sono insostenibili da un punto di vista dell’utilizzo razionale dello spazio e sono inoltre attrattori e generatori di traffico.

UN PIANO PER LA MOBILITÀ POST-COVID

In molte città del mondo si sta già procedendo in questa direzione. “Promuovendo l’uso della bici (muscolare o elettrica che sia) e della micromobilità (monopattini e simili) – osserva l’associazione – o incrementando le aree pedonali e le zone 30 (o addirittura zone 20 come a Bruxelles), e attraverso la realizzazione di percorsi ciclabili protetti e piccole infrastrutture di supporto per questi tipi di mobilità”. Anche il trasporto pubblico, che probabilmente dovrà ridurre la capacità dei propri mezzi, “avrà necessità di percorsi dedicati e strade libere dal traffico automobilistico, per mantenere efficenza e non soccombere all’inevitabile diffidenza iniziale e alle limitazioni che subirà”.

LE PROPOSTE

L’associazione propone l’attivazione di parcheggi d’interscambio, anche temporanei, con servizi navetta (esempio parcheggio della fiera, parte dei parcheggi dell’aeroporto dell’Auchan). E il rafforzamento delle Ztl per favorire il distanziamento nelle strade più strette nelle quali, per consentire la sosta delle automobili, anche i marciapiedi sono molto stretti e angusti (pensiamo a Via San Bernardino e via Moroni, via Quarenghi, via Borgo Palazzo, ecc.).

Suggerisce la realizzazione (o il completamento e l’allargamento) di piste ciclabili e corsie preferenziali d’emergenza lungo i viali più ampi della città (via Paleocapa, via Tiraboschi, viale Papa Giovanni, via Carducci, viale Giulio Cesare…), anche solo con transenne e segnaletica orizzontale, seguendo quanto deliberato nel Biciplan e nel PUMS. E ancora la realizzazione e il potenziamento di stalli per la sosta sicura delle bici, lo studio di un piano per incentivate la mobilità sostenibile di studenti, professori e personale scolastico, magari in collaborazione con scuole e Università, e la promozione di sistemi di trasporto e consegna merci ecosostenibili.

“Le difficoltà economiche porteranno più persone a passare, anche solo per motivi economici, all’uso della bicicletta in alternativa all’automobile – conclude l’associazione dei ciclisti bergamaschi -. Chi fa questa scelta, virtuosa per se e per la collettività, deve essere agevolato, riconosciuto e garantito”.

leggi anche
sottoscrizione carabiniere polzoni coronavirus
Di brignano
Una sottoscrizione “Per la famiglia di Claudio Polzoni”, il carabiniere 46enne ucciso dal Covid
leggi anche
carabinieri drone
Il servizio
Carabinieri con il drone in Val Seriana: tutte in regola le persone controllate
leggi anche
carabinieri drone
Il servizio
Carabinieri con il drone in Val Seriana: tutte in regola le persone controllate
Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
leggi anche
Corsie ciclabili
Mobilità
Bergamo, in via Baioni e Ruggeri da Stabello arrivano le corsie ciclabili
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI