"La stanza della famiglia": partiamo da qui per rinnovare gli interni della nostra casa - BergamoNews
A cura di

Laboratorio Italiano Design

Family room & co.

“La stanza della famiglia”: partiamo da qui per rinnovare gli interni della nostra casa

Per tutti coloro che hanno ormai il richiamo del rinnovamento domestico, ecco "Family room & co.", un appuntamento in collaborazione con Laboratorio Italiano Design di Bergamo nel quale affronteremo i vari aspetti dell'arredo di interni. 

In questi lunghi mesi di quarantena stiamo vivendo la stra grande maggioranza del nostro tempo tra le quattro mura domestiche: le osserviamo, ce ne prendiamo cura, forse ci è persino venuta la voglia di cambiare qualcosa.

Per tutti coloro che hanno ormai il richiamo del rinnovamento, ecco “Family room & co.”, un appuntamento in collaborazione con Laboratorio Italiano Design di Bergamo nel quale affronteremo i vari aspetti dell’arredo di interni. 

Partiamo proprio dallo spazio dal quale questa rubrichetta prende il nome: la “family room”. 

In un’epoca in cui, sembrerebbe, che le relazioni umane siano scandite da messaggi vocali e incontri attraverso lo schermo di un telefono cellulare (anche con il proprio nucleo famigliare) in ambito casa si sviluppa una controtendenza.

Sempre più viene richiesta agli interior designer di ricavare, in una zona della propria abitazione, una stanza da dedicare alla famiglia.

La “Family Room”, così denominata dagli addetti ai lavori, è accogliente, raffinata, con un’estetica sofisticata; il luogo di svago del Terzo Millennio è dotato di tutti i confort e la tecnologia la fa da padrone.

E allora immaginiamola questa stanza: elemento imprescindibile il divano, che deve essere ampio, magari con una chaise longue incorporata, rivestito da un tessuto resistente ma elegante. Cuscini: piccoli, grandi perché si può – si deve – stare seduti anche per terra; e allora ecco apparire un tappeto che ricopra buona parta dell’area; nulla a che vedere con persiani, ma facili da trattare e lavare, seppur sofisticati.

Abbiamo parlato di eleganza e comfort: peculiarità del velluto che torna pian piano sulla scena, proposto in colori naturali, ma anche modaioli e sgargianti.

La parola d’ordine è osare: al bando le tinte piatte ed anonime, sì a colori audaci. Pantone Color of the Year 2020 è il Classic blue che verrà fortemente accostato al giallo in tutte le sue sfumature, soprattutto nelle tonalità senape, ocra e beige che predomineranno sul grigio.

A scaldare l’ambiente l’ottone ed il bronzo. I metalli sono un trend consolidato, impiegati non solo in oggettistica – se poi vintage ancora meglio – ma anche in arredamento vero e proprio.

Qui si guardano film e finali di Champions, ecco allora spuntare un 50’’ – come minimo – o un impianto audio-video degno delle migliori multisala.

Seppur ha la funzione di buon ritiro e convivialità, il caos non è previsto: gli interior designer dedicano molto tempo alla creazione di questo luogo dove sì la vivacità e il coloro sono protagonisti – grazie anche all’utilizzo di carte da parati vero must degli ultimi anni – ma in modo armonico ed ordinato.

Ma non facciamo ingannare dal nome: la “family room” deve essere anche vista come rifugio per fuggire dal caos quotidiano dove ogni componente del nucleo famigliare possa coltivare, anche in autonomia, le proprie passioni.

È qui che il padrone di casa dà vita alla stanza della musica o per la lettura, sicuramente il luogo per tenersi in forma; ecco quindi far capolino attrezzi ginnici e, per chi ha ampi spazi e una discreta somma a disposizione, creare una zona wellness con bagno turco e/o sauna.

Ciò che si evince è una nuova tendenza: la stanza della famiglia un nuovo spazio dell’abitare contemporaneo.

S. R.
Press officer Laboratorio Italiano Design

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it