BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Sarnico, il sindaco si sfoga: “Segnalate i vicini e ora vi lamentate della polizia?”

Il lungo intervento del primo cittadino Giorgio Bertazzoli dopo alcune critiche per la presenza delle forze dell'ordine con i droni sul territorio.

Più informazioni su

Un lungo post sul gruppo Facebook “Sei di Sarnico se…” per richiamare all’ordine i propri concittadini: il sindaco Giorgio Bertazzoli è solito utilizzare anche le nuove tecnologie per arrivare a tutti e anche in questo caso non si è smentito.

Senza troppi giri di parole ha definito “vergognosi” alcuni comportamenti, ultimo quello di pesante critica per i controlli delle forze dell’ordine. 

“Una vergogna! Una vera vergogna! – inizia lo sfogo del sindaco – Per un mese ho ricevuto foto private, ed ancora oggi le ricevo, di gente che fotografa e filma giorno e notte i propri vicini o avventori davanti alla propria casa, chiedendo massime pene per i trasgressori che girano…

Mi ricordo un mese e mezzo fa di gente che andava a sciare, tutto aperto, lungolago di Sarnico pieno, in barba a quello che stava succedendo, minimizzando la situazione dai più.

A Pasqua e Pasquetta addirittura code a Pomezia per andare al mare… mentre qui sul territorio si esce per ogni minima cavolata, e solo ieri ancora in Lombardia 1246 nuovi contagi ufficiali da covid-19…

Oggi arrivava la Polizia di Stato mandata dalla Questura di Bergamo su Sarnico, per provare il supporto dei droni, anche a futuri scopi, come controllo e spaccio di stupefacenti ed altro, e…

Apriti cielo!

Si inneggia alla dittatura, al controllo sistematico delle persone, quando il 90% delle stesse è registrata in tutti i social e chat inutili possibili del mondo!!!

In Cina, dove sono stato, sui social non si può ovviamente scrivere liberamente, segno che in Italia non c’e’ una dittatura!

In Cina hanno messo il coprifuoco, l’esercito nelle strade, mentre qui, dove si esce per qualunque cavolata, e dove le Forze dell’Ordine sono tolleranti al 90%, il Coronavirus gira ancora, ed ha fatto in un mese 23.000 morti… tantissimi nostri familiari, tantissimi nostri amici, tantissimi nostri concittadini, e solo a Sarnico, oltre 60 morti in un mese, mentre nello stesso periodo dell’anno scorso erano stati 6…

Rispetto per lo sforzo fatto finora!

Rispetto per le nostre forze dell’ordine che per 1.300 euro al mese devono sentire le boiate di quelli che dicono: ‘dispiego di forze eccessivo’, ‘soldi buttati via’, ‘Stato tiranno’, ecc… non capendo elementarmente parlando, che le nuove tecnologie possono essere affinate anche per scopi futuri, che oggi la Polizia era su Sarnico per fare delle prove tecniche e non per vessare nessuno! Che magari anche quei poveri cristi della Polizia, oggi che è domenica, avrebbero voluto stare a casa loro, e non essere qui a provare dei droni comunque a tutela della sicurezza di tutti.

La nostra libertà finisce quando inizia quella altrui.

Questa pandemia ci ha fatto capire ancor più che siamo legati indissolubilmente ad uno stesso destino!

E certi commenti contro le Forze dell’Ordine, contro il Lock-Down forzato, trovano davvero il tempo che trovano… perché se il Governo o Regione non avessero imposto queste regole, oggi di morti non ne avremo 23.000, ma ben oltre 100.000 e i contagiati sarebbero molto molti di più! E allora davvero sì che il Sistema-Paese sarebbe andato a rotoli… ma si sa che in Italia esistono 60 milioni di tuttologi e 60 milioni di commissari tecnici della nazionale di calcio e tutti vogliono sempre saperne una più del diavolo, quando l’italiano medio, su 100 persone, sono solo in 26 che leggono almeno un libro all’anno!

Quindi rispetto collettivo per lo sforzo di tutti quegli operatori che operano in prima linea sul campo, non da ultima l’infermiera della Casa di Riposo di Predore morta a 55 anni, nello svolgimento del proprio lavoro, così come i tantissimi medici, infermieri e anche Forze dell’Ordine che si sono ammalate e purtroppo decedute!

La grandezza di un popolo si vede soprattutto nei momenti di difficoltà, ma qui a parte lamentarsi continuamente di tutto e tutti ed ingiuriare costantemente dietro una tastiera, di grandezze ne vedo davvero ben poche, ma solo gente che scrive sui social cose senza senso, fatti di pensieri oltremodo cattivi e maleducati, senza cultura e soprattutto senza il minimo senso civico.

Socrate diceva che ‘Esiste un solo male, l’ignoranza, e un solo bene, la conoscenza’.

Ai posteri quindi l’ardua sentenza!”

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.