Quantcast
"Ogni giorno in tv racconto il dolore di Bergamo: la sua dignità colpisce tutti" - BergamoNews
L'intervista

“Ogni giorno in tv racconto il dolore di Bergamo: la sua dignità colpisce tutti” fotogallery

Il bergamasco Marco Carrara, conduttore di "Timeline" e del Moviolone di "Agorà" su RaiTre, esprime lo stupore e il dolore che prova raccontando della pandemia del Coronavirus che ha duramente colpito il territorio orobico

“Se un giorno mi avessero detto ‘condurrai un programma in cui parlerai a lungo di Nembro’ non ci avrei creduto, invece è quello che sta succedendo”. Così il giornalista bergamasco Marco Carrara, volto di Timeline e Agorà su RaiTre, esprime lo stupore e il dolore che prova raccontando della pandemia del Coronavirus che ha duramente colpito la provincia di Bergamo.

Sono trascorse diverse settimane da quando è scoppiata l’emergenza Covid, ma l’incredulità e il dispiacere ogni volta si rinnovano. Marco Carrara spiega: “Sono nato ad Alzano Lombardo e cresciuto a Nembro, i due Comuni di cui si sente continuamente parlare al telegiornale, nelle inchieste, negli articoli e nei dibattiti. Da tempo avrei voluto dire che quelli erano i miei paesi, ma non riuscivo e non capivo il perché. Premesso che in tv sono molto discreto e non mi piace mettere la mia persona prima di tutto il resto, sono riuscito solo a distanza di tempo a parlarne. È normale, perchè l’elaborazione del dolore non è immediata e adesso ho compreso cosa mi bloccasse: ero troppo frastornato, scioccato e incredulo. Sono trascorsi due mesi ma ancora non mi capacito che si tratti dei miei Comuni: se un giorno mi avessero detto ‘condurrai un programma in cui parlerai a lungo di Nembro’ non ci avrei creduto, invece è quello che sta succedendo. Il dolore rimane forte ma ogni giorno ingoio il rospo e racconto il dolore dei bergamaschi. All’interno della trasmissione tutte le mattine interviene un inviato da Bergamo e quando mi dice ‘sono collegato da Nembro, mi trovo davanti al bar…’, ed è il locale che ho frequentato per tanti anni, rimango sgomento, poi penso che sono in diretta e proseguo. Il lavoro mi è servito molto perchè se fossi rimasto a casa a pensare alla situazione della Bergamasca sarebbe stato più difficile elaborare tutto. Inoltre, raccontare, informare quotidianamente su ciò che sta accadendo, mi fa sentire utile ed è una grande responsabilità, soprattutto in questa fase: sia ad Agorà sia a Timeline cerchiamo sempre di trattare gli argomenti in modo molto rigoroso”.

L’emergenza Covid ha avuto un forte impatto anche dal punto di vista giornalistico. Carrara prosegue: “Il lavoro è aumentato tantissimo, gli ospiti non sono in studio ma in collegamento Skype e le notizie si susseguono con estrema rapidità: il Coronavirus è un tema dalle tantissime sfaccettature che spaziano fra la cronaca, lo scontro politico, le inchieste sulle case di riposo, le Rsa, l’ospedale di Alzano… e da bergamasco vivo tutto in modo più intenso. Un aspetto mi ha colpito molto: Bergamo ha tante cose belle, molte delle quali sono piccole, discrete, silenziose proprio come quel mostro invisibile che la sta martoriando”.

Marco Carrara Timeline

La pandemia è stata uno spartiacque. Marco Carrara afferma: “Prima quando dicevo di essere bergamasco la gente rispondeva ‘Ah, sei di Bergamo! De sura o de sóta?’, mentre adesso ‘Ah, sei di Bergamo… che brutta situazione da voi, mi dispiace”. E tutti gli ospiti che incontro, da nord a sud, sono colpiti dal nostro modo di fare, da come stiamo reagendo a questa tragedia: rimangono commossi dalla nostra dignità, dalla sobrietà e dal contegno che da sempre ci contraddistinguono”.

Esprimendo il suo profondo legame con Bergamo, il conduttore, che ora abita a Roma per lavoro, evidenzia: “Apprendo tante notizie orrende e mai come in questi giorni vorrei essere lì per stare vicino alla mia famiglia: i miei genitori mi raccontano di tanti lutti, della scomparsa di vicini di casa e amici. Per fortuna i miei famigliari stanno bene, ma diversi conoscenti sono malati o morti. In questo momento non posso incontrare mamma e papà perchè il virus e le restrizioni anti-contagio ci impongono di rimanere a distanza, ma è giusto così, bisogna avere pazienza: presto tornerò ad abbracciarli e a calpestare la mia terra”.

Infine, rivolgendosi ai bergamaschi, suoi conterranei, Marco Carrara conclude: “Secondo me l’espressione ‘Berghém mòla mia‘ racchiude tutti i significati. L’ho pronunciata anche in una puntata di Timeline in un’intervista a Riccardo Zanotti dei Pinguini Tattici Nucleari, seguito da ‘Italia mòla mia’ perchè purtroppo sono tante le province dove il virus si sta diffondendo. Oltre a lanciare questo messaggio vorrei ringraziare il personale sanitario che è in prima linea in questa tragedia: fra le vittime ci sono anche 125 medici e penso all’incredibile lavoro di queste persone. Mio padre è un vigile del fuoco e quando ci sono calamità naturali come i terremoti vengono chiamati eroi come avviene ora per i dottori e gli infermieri. Quando li intervisto dicono sempre di non voler essere definiti così perchè il termine ‘eroe’ fa pensare che stiano svolgendo un lavoro straordinario invece rischiano la vita tutti i giorni”.

 

IL VIDEO dell’intervista di Marco Carrara a Riccardo Zanotti dei Pinguini Tattici Nucleari a “Timeline Focus” su RaiTre

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
leggi anche
don claudio del monte new york times
Parroco della malpensata
Don Claudio col suo gel igienizzante in prima pagina sul New York Times
Generico aprile 2020
Anche con l'emergenza
In mille sulla chat telefonica illegale per evitare i posti di blocco in Bergamasca
City Angels Bergamo
La testimonianza
Tra i City Angels a distribuire pasti ai senzatetto: “Tanti bergamaschi, e aumenteranno”
ospedale da campo gallera
Le dichiarazioni
Gallera: “Senza mascherine e guanti per tutti il 4 maggio non riapriamo”
Tamponi Covid
La riflessione
Senza certezze, per tornare a una vita sostenibile serve il buonsenso
Coronavirus, l'esercito a Bergamo per le bare
La riflessione
Perché qui?
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI