BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il Cai Bergamo piange Filippo Ubiali: “Esempio di umanità, gratuità e solidarietà”

Promotore e cardine delle attività della commissione sociale del Cai Bergamo, si è spento all'età di 82 anni

Più informazioni su

Il Cai di Bergamo è in lutto: si è spento Filippo Ubiali, promotore e cardine delle attività della commissione sociale della sezione nonchè socio della sottosezione di Ponte San Pietro. Morto all’età di 82 anni per un’ischemia cerebrale, lascia la moglie Giovanna e i figli Paola e Antonio.

Sempre attento ai bisogni dei più fragili, è stato un precursore della montagna e dei sentieri per tutti. Grazie alla sua sensibilità, insieme a Igino Proto, vent’anni fa ha avviato il gruppo accompagnatori dei disabili al Cai di Bergamo, promuovendo e sostenendo progetti come il rifugio Alpe Corte a misura delle persone con difficoltà motorie, itinerari accessibili e montagna terapia. Sempre per l’Alpe Corte, è stata sua l’idea del rifugio senza barriere architettoniche.

Paolo Valoti, presidente del CAI Bergamo, porge condoglianze e vicinanza ai famigliari: “A nome di tutta la famiglia CAI Bergamo esprimiamo profonda gratitudine e riconoscenza a Filippo Ubiali ‘andato avanti’ sulle vette celesti. Uomo, amico e socio straordinario, è stato un esempio di umanità, gratuità e solidarietà senza barriere per la montagna per tutti! Addio Filippo, nel CAI sempre al fianco dei disabili”.

Anche CSV Bergamo – La Bottega del Volontariato ne ricorda le doti umane: “Ci uniamo al cordoglio di CAI Bergamo per la scomparsa di Filippo Ubiali, già consigliere di CSV Bergamo e persona davvero perbene. Ciao Filippo, mancherai a tutto il mondo del Volontariato”.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.