Coronavirus, infermiera caposala della Rsa di Predore muore a 56 anni - BergamoNews
Giovedì

Coronavirus, infermiera caposala della Rsa di Predore muore a 56 anni

Lidia Liotta era originaria di Sciacca, dove sognava di tornare una volta raggiunta la pensione con il marito e la figlia di 20 anni

Si è spenta a 56 anni dopo un mese di agonia all’ospedale di Chiari (Brescia) Lidia Liotta, infermiera professionale e caposala della Rsa Villa Serena di Predore.

Conosciuta per il suo sorriso e la disponibilità con gli ospiti della struttura dove lavorava da vent’anni, ha dovuto arrendersi giovedì 16 aprile a quel virus che aveva contratto come diverse sue colleghe. È deceduta in seguito a un’emorragia cerebrale.

leggi anche
  • I focolai nelle case di riposo
    La Cgil: “I Nas anche nelle Rsa della Bergamasca”
    Militari italiani e russi sanificano l'Rsa di Cologno al Serio

Originaria di Sciacca, in Sicilia, dove sognava di tornare una volta raggiunta la pensione, abitava a Predore con il marito, impiegato del Comune di Villongo, e la figlia di 20 anni.

Villa Serena è una residenza sanitaria assistenziale di proprietà della parrocchia di Predore, ma dal 2005 gestita dalla cooperativa Universis di Udine, che si occupa anche delle Rsa di Seriate e Dalmine. Sono 25 gli ospiti, e come in molte altre strutture simili della nostra provincia, diversi di loro sono stati contagiati dal Covid 19.

leggi anche
  • Mai perdere l'umanità
    L’infermiera al tempo del virus: “Turni infiniti, solo alla fine puoi permetterti d’aver paura”
    infermiere
leggi anche
  • Il dramma
    Cusio piange Steven, morto a 31 anni in Germania per Coronavirus
    steven rovelli
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it