BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Contributo sui redditi più alti? Miro Radici: “Accettabile, ma i politici diano l’esempio”

Il Cavalier del lavoro Miro Radici commenta la proposta del Partito Democratico per il Contributo di solidarietà sui redditi oltre gli 80mila euro

Miro Radici come Robin Hood? Il paragone è forse un azzardo. Anche se il capitano d’industria del tessile non manca di riservare sorprese. “Per i redditi più elevati potrebbe essere accettabile”: commenta così la proposta lanciata dal capogruppo del Pd alla camera Graziano Del Rio per reperire risorse in funzione anticrisi. Un contributo di solidarietà a carico dei redditi più elevati – per gli anni 2020-2021 – che dovranno versare i cittadini con redditi superiori a 80 mila euro lordi e che inciderà sulla parte eccedente a tale soglia. La somma versata sarà deducibile e andrà da alcune centinaia di euro fino a decine di migliaia per i redditi superiori al milione. Il gettito atteso è di 1,3 miliardi annui.

Poi, da uomo abituato a pesare le parole aggiunge: “Potrebbe essere accettabile come misura, anche se prima bisognerebbe partire dai politici al di sotto dei 150-200 mila euro”. Ossia: la politica dia il buon esempio. Certo Miro Radici non manca di dare una stoccata al Governo, un sassolino nel mocassino dopo questa lunga quarantena chiuso in casa: “Una follia comunque da un governo che ha in tasca una sola soluzione per risolvere il problema Coronavirus: tutti imprigionati come topi per mesi e mesi! Aspettiamoci di tutto”.

CINQUE FASCE DI REDDITO

Il contributo di solidarietà andrebbe dal 4% all’8%, per cinque fasce di reddito, dagli 80mila euro a oltre un milione di imponibile Irpef.

La proposta riguarderebbe 800mila contribuenti. Il contributo, deducibile dal reddito complessivo, sarebbe del 4% oltre 80.000 euro, del 5% oltre 100.000 euro, del 6% oltre 300.000 euro, del 7% oltre 500.000 euro, dell’8% oltre un milione di euro.

Secondo una tabella questa misura prevede 110 euro l’anno per 200mila contribuenti che guadagnano oltre 80mila euro (200 euro lordi, ma con la possibilità di dedurre 90 euro). Da 90.000 a 100.000 euro il contributo sarebbe di 331 euro al netto della deducibilità; 718 euro da 100.000 a 120.000 euro; 1408 euro da 120.000 a 150.000; 2512 euro da 150.000 a 200.000 euro; 4583 euro da 200.000 a 300.000 euro; 9276 euro da 300.000 a 500.000 euro; 22.252 euro da 500.000 a 1 milione; i 796 contribuenti che dichiarano più di un milione darebbero 54.001 euro l’anno.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da gino

    “accettabile… ma..” c’è sempre un ma, un però, un se. D’altra parte si possono capire i distinguo dei ricchi. Non è semplice tirar fuori 10 euro al mese per uno che guadagna 4000 euro netti al mese, prendendo come riferimento gli 80000 euro lordi all’anno.